Consulenza o Preventivo Gratuito

Prescrivere al telefono atti di autoerotismo è reato

del 10/06/2013

Contatta | Studio Legale Pecchi
v.le Leonardo da Vinci 114 Roma 00145 Roma (RM)


Cassazione penale , sez. III, sentenza 03.05.2013 n° 19102

Se il finto ginecologo prescrive, al telefono, atti sessuali di autoerotismo si configura violenza sessuale, ai sensi dell'art. 609-bis c.p. . Il caso vedeva una persona, spacciandosi per ginecologo, contattare telefonicamente alcune donne e, comunicando loro di essere a conoscenza di accertamenti medici da queste effettuati o da effettuare, nonché rappresentando situazioni di urgenza o di opportunità, le sollecitava a compiere su loro stesse atti di autoerotismo giustificati da finalità mediche, oppure a fotografare le loro zone genitali e trasmettere allo stesso gli esiti tramite e-mail. Secondo un orientamento giurisprudenziale richiamato dalla pronuncia in esame, l'induzione della vittima a commettere atti sessuali su di sé da parte dell'agente, induzione che mira a soddisfare il desiderio sessuale dello stesso, integra gli estremi del reato previsto dall'art. 609-bis c.p. (Cass. pen., Sez. III, n. 11958/2011, rv. 249746); ciò che rileva è il principio secondo il quale, in assenza di contatti fisici fra i due protagonisti del fatto, il reato di violenza sessuale risulta integrato qualora sia compromessa la libera determinazione sessuale della persona destinataria delle condotte dell'agente e ne risulti aggredita la personalità sul piano sessuale. Secondo il giudice nomofilattico, la fattispecie di reato in esame risulta integrata dalle intenzionali aggressioni alla sfera sessuale della vittima, e in tal modo ad una dimensione intima e sensibile della sua persona e della sua personalità, commesse con modalità in qualche modo violente, subdole o artificiose che privino la vittima stessa della reale libertà di determinarsi, e ciò anche nei casi in cui l'agente agisca per finalità diverse dalla soddisfazione della propria libido.

vota  
Inserendo i miei dati accetto le Condizioni d'uso e il trattamento dati
Voglio ricevere le newsletter di Axélero S.p.A. come specificato nel paragrafo 2b
Voglio ricevere le newsletter di società terze come specificato nel paragrafo 2c
SULLO STESSO ARGOMENTO
Insulti via mail non è molestia

del 22/07/2010

Secondo la Corte di Cassazione scrivere e inviare una email di insulti è completamente differente da...

Anche la diffamazione è stalking

del 23/09/2010

Se siete stati oggetto di diffamazione, ad esempio di fronte al vostro datore di lavoro, potete accu...

Niente insulti al dipendente suscettibile

del 01/10/2010

Il datore di lavoro che riprende un dipendente non è autorizzato in alcun modo a offenderlo con epit...