Consulenza o Preventivo Gratuito

Diventa reato scherzare online con i nomi altrui!

del 14/05/2013

Lo conferma la sentenza 18826/2013 con cui la Corte di Cassazione ha confermato la precedente condanna in secondo grado per sostituzione di persona, reato previsto dall’art. 494 del codice penale.

Nel 2005 l'imputata ideò una vendetta nei confronti della propria ex datrice di lavoro: creò un'utenza su un sito di incontri erotici e pubblicò il suo numero di cellulare in chat.

Telefonate ed sms arrecarono gravi molestie alla persona offesa nel corso di due anni. La difesa dell'imputata, ricorrendo in Cassazione, ha eccepito l'inapplicabilità dell'art. 494 c.p. in assenza del requisito dell'induzione in errore altrui, in quanto l'imputata non aveva posto in essere alcuna condotta “attiva” volta a indurre terze persone in errore ma si era limitata a creare un nome di fantasia e a pubblicare il recapito telefonico.

La Corte di Cassazione non ha ritenuto condivisibile tale motivo di ricorso, offrendo invece un'interpretazione estensiva dell’art. 494 c.p., tale da garantire una tutela sanzionatoria alle nuove forme di aggressione in via 'telematica', favorite dalla diffusione dei social network. Secondo la Corte di Cassazione il reato di sostituzione di persona non solo tutela la “fede pubblica” ma anche "la protezione dell'identità di terzi, che può essere pregiudicata non solo da possibili usurpazioni, ma anche dall'attribuzione al terzo di falsi contrassegni personali, allo scopo di arrecargli un danno".

Si è ritenuto nello specifico che la creazione di un nickname contenente fra l'altro le iniziali della vittima e la pubblicazione del numero di telefono mobile su una chat erotica costituiscano attribuzione di un falso contrassegno personale. In realtà in ambito informatico la Corte di Cassazione si era già occupata del reato di sostituzione di persona (sent. Cass. Pen. 12479/11).

La sentenza in esame, comunque, riconosce per la prima volta l'immenso potere di internet e i rischi conseguenti alla falsa attribuzione di contrassegni personali; inoltre, viene riconosciuto al nickname “lo stesso valore dello pseudonimo ovvero di un nome di fantasia, la cui attribuzione, a sé o ad altri, integra pacificamente il delitto di cui all'articolo 494 c.p.”.

vota  
Inserendo i miei dati accetto le Condizioni d'uso e il trattamento dati
Voglio ricevere le newsletter di Axélero S.p.A. come specificato nel paragrafo 2b
Voglio ricevere le newsletter di società terze come specificato nel paragrafo 2c
SULLO STESSO ARGOMENTO
Insulti via mail non è molestia

del 22/07/2010

Secondo la Corte di Cassazione scrivere e inviare una email di insulti è completamente differente da...

Anche la diffamazione è stalking

del 23/09/2010

Se siete stati oggetto di diffamazione, ad esempio di fronte al vostro datore di lavoro, potete accu...

Niente insulti al dipendente suscettibile

del 01/10/2010

Il datore di lavoro che riprende un dipendente non è autorizzato in alcun modo a offenderlo con epit...