Consulenza o Preventivo Gratuito

Pensione di inabilità: dal 2013 rileva il reddito del coniuge

del 10/05/2013

In data 8 aprile 2013 l’ordinanza n. 8535/13 della Corte di Cassazione sezione lavoro   pone fine definitivamente alle polemiche relative all’applicazione della circolare INPS  del 28 dicembre 2012 n. 149. In particolare nella tabella M3 dell’allegato 2 della citata circolare  veniva precisato che il requisito reddituale (16.127,30 Euro),  per aver diritto all’invalidità civile totale o alla pensione di inabilità per il 2013,  era coniugale e non più solo quello del soggetto interessato.

La questione si pone al centro di un dibattito  giurisprudenziale che nei diversi anni ha portato a soluzioni diametralmente opposte. 

In particolare la Cassazione per alcuni anni ha stabilito  che per aver diritto a tale tipo di pensione si doveva considerare il solo reddito personale (18825/2008; 7259/2009; 20426/2010; 4423/2012), altre volte quello dei coniugi (16311/2002; 13261/2007; 4677/2011; 21345/2011; 10276/12; 10658/12;  20274/2012).

Ultimamente si era creato un contrasto anche tra le ultime citate sentenze della magistratura  (favorevoli all’inclusione del reddito coniugale)  e la prassi o normativa dell’Inps che invece con messaggio 717 del 14 gennaio 2013 (conformemente ala circolare del Ministero dell’Interno n. 5 del 20.6.1980) dichiarava che il reddito da considerare per il diritto alla pensione  di inabilità  doveva essere solo quello del diretto interessato non cumulabile con quello dell’eventuale coniuge.

Ad oggi, l’Istituto di previdenza pare aderire all’indirizzo della Corte.

Sarebbe opportuno, a proposito,  per assicurare  uniformità di comportamento sul territorio, almeno un messaggio chiarificatore alle sedi periferiche, dando contezza anche dell’adeguamento delle procedure e della modulistica.

Secondo l’ormai consolidato orientamento della Cassazione  il riconoscimento della pensione agli invalidi totali è subordinato alla sussistenza delle condizioni economiche dell'interessato, per la cui determinazione occorre tenere conto anche della posizione reddituale del coniuge. Ciò si desume dal disposto dell’art. 14 septies, comma 4 della L. 33/1980 che, elevando i limiti di reddito per la pensione di inabilità, non contempla l'esclusione, ai fini del calcolo del requisito reddituale dell'invalido, del reddito percepito da altri componenti il suo nucleo familiare. Tale esclusione è espressamente prevista solo dall'art. 14 septies, comma 5 concernente l'assegno mensile in favore dei mutilati e invalidi civili parziali.

Nell’ordinanza in commento  i Giudici del collegio hanno infatti concluso precisando quanto segue: “ non ricorrano i presupposti per un intervento delle Sezioni Unite sulla questione controversa, ove si consideri che l'interpretazione, qui condivisa, di cui alle decisioni sopra citate (Cass. n. 5003 del 1 marzo 2011, id. n. 5016 del 1 marzo 2011, n. 4677 del 25 febbraio 2011, n. 21345 del 15 ottobre 2011, n. 10276 del 20 giugno 2012, n. 10658 del 26 giugno 2012 cui va ancora aggiunta Cass. n. 20274 del 19 novembre 2012) - peraltro pienamente consapevoli dell'esistente contrasto giurisprudenziale - costituisce il risultato di una compiuta considerazione e valutazione delle variegate disposizioni normative succedutesi nel tempo e di una ricostruzione del relativo significato che appare essere la piu' aderente al loro dato testuale nonche' alla complessiva ratio dell'intervento legislativo in questa specifica materia, cosi' come evincibile dalle considerazioni di cui alla relazione sopra riportata.

Si aggiunga (cosi' dovendosi ritenere manifestamente infondati gli ulteriori dubbi di legittimita' costituzionale sollevati dall'odierno ricorrente) che nessuna violazione dei diritti della famiglia (articoli 29 e 31 Cost.) e' ravvisabile nella valorizzazione dei richiamati principi di solidarieta' che informano l'istituto e che, come gia' detto, concorrono con gli strumenti di sostegno pubblico a tutela dell'invalidita'..”.

Avv. Giuseppe Colucci,  Lavoro Lex

vota  
Inserendo i miei dati accetto le Condizioni d'uso e il trattamento dati
Voglio ricevere le newsletter di Axélero S.p.A. come specificato nel paragrafo 2b
Voglio ricevere le newsletter di società terze come specificato nel paragrafo 2c
SULLO STESSO ARGOMENTO
Pensioni: le novità del 2011

del 27/12/2010

Dal prossimo anno cambiano i requisiti e modalità di percezione degli assegni di previdenza. Nel det...

Incentivi per chi assume over 50

Rag. Maurizio Cason Villa del 09/05/2012

Il Consiglio dei Ministri ha presentato il 23 marzo 2012 il disegno di legge di riforma del mercato...

Innalzamento dell'eta pensionabile per le donne

Dott. Paolo Mussi del 11/07/2011

Scrivere di pensioni è sempre stato difficile, tanto più in concomitanza con manovre economiche più...