Consulenza o Preventivo Gratuito

Irripetibilità degli indebiti pensionistici Inps

del 10/05/2013

Irripetibilità degli indebiti pensionistici Inps

Il Tribunale di Milano - con sentenza 25 marzo 2013 - ha parzialmente accolto il ricorso presentato da una pensionata che contestava l’addebito Inps dovuto ad erronea erogazione di contributi pensionistici, precisando che non poteva essere imputata alla signora l’omessa o incompleta segnalazione dei redditi e riducendo l’importo richiesto dall’Inps.

La somma, così come determinata all’esito di un giudizio di Appello proposto dall’Istituto, veniva richiesta agli eredi della pensionata i quali, improvvisamente, senza colpa, si erano trovati con un debito verso l’Inps.

Gli eredi  proponevano dunque ricorso alla Corte dei Conti, sezione per la Lombardia, chiedendo di accertare l’irripetibilità dell’indebito, ovverosia di accertare di non dover restituire nulla all’Istituto (cfr. commi 260 e ss., art.1 della L. n. 662 del 1996).

La Corte Regionale, con sentenza n. 245 del 2 maggio 2012, dichiarava irripetibile la somma, ovverosia dichiarava che gli eredi nulla dovevano all’Inps (art. 52 L. 88/89: la norma introduce il principio della generale non ripetitività dei pagamenti indebiti, fatto salvo il solo caso del dolo dell'interessato, come interpretato anche dall'art. 13 della legge n. 412/91).

vota  
Con l'inserimento dei miei dati dichiaro di aver preso visione ed accettato il Trattamento dei Dati
SULLO STESSO ARGOMENTO
Pensioni: le novità del 2011

del 27/12/2010

Dal prossimo anno cambiano i requisiti e modalità di percezione degli assegni di previdenza. Nel det...

Incentivi per chi assume over 50

Rag. Maurizio Cason Villa del 09/05/2012

Il Consiglio dei Ministri ha presentato il 23 marzo 2012 il disegno di legge di riforma del mercato...

Innalzamento dell'eta pensionabile per le donne

Dott. Paolo Mussi del 11/07/2011

Scrivere di pensioni è sempre stato difficile, tanto più in concomitanza con manovre economiche più...