Consulenza o Preventivo Gratuito

Assunzioni agevolate: sì, grazie!

del 08/04/2013

Assunzioni agevolate:    sì,  grazie!

Nelle acque agitate dell’economia, tormentata dal vento della crisi che non smette di soffiare da ben 5 anni, una piccola ancora di salvezza è stata lanciata dalle Leggi di Stabilità susseguitesi nell’ultimo biennio (L. 183/2011 e L. 228/2012) e dalla Riforma Fornero (L. 92/2012) per tutti quegli imprenditori che desiderassero, nonostante tutto, investire in capitale umano. Il primo aiuto è stato offerto a coloro che hanno deciso di assumere apprendisti a partire dal 1° gennaio 2012 e fino al 31 dicembre 2016: per 3 anni viene garantito loro un totale sgravio contributivo; successivamente la contribuzione passa al 10%.

Inoltre sarà sempre possibile inquadrare l’apprendista a due livelli inferiori rispetto ad eventuali altri lavoratori ordinari che svolgano le medesime funzioni. A quei datori di lavoro che decideranno, invece, di dare una nuova chance ai dirigenti espulsi dal mercato del lavoro sarà assicurato uno sgravio, nei successivi 12 mesi, pari al 50% della quota contributiva dovuta sia dal lavoratore che dall’impresa.

D’altro canto, per i lavoratori over 50 che si trovino disoccupati da oltre 12 mesi la Riforma Fornero garantisce una riduzione contributiva del 50% dei contributi a carico del datore di lavoro per il periodo di un anno, nell’ipotesi in cui l’assunzione avvenga a tempo determinato, ovvero con estensione a 18 mesi nell’eventualità di contratto a tempo indeterminato. Importanti incentivi sono poi concessi a quelle aziende che, impiegando meno di 20 unità lavorative, decidano di sostituire una lavoratrice che usufruisce del periodo di maternità (obbligatorio o facoltativo): l’imprenditore può avvalersi di uno sgravio contributivo del 50% per un intervallo massimo di 12 mesi.

La Riforma Fornero ha voluto incentivare le aziende ad assumere donne, garantendo al datore di lavoro la già citata riduzione contributiva, pari alla metà del dovuto e sempre per il periodo di 1 anno, in tutte le ipotesi di assunzione di lavoratrici, di qualunque età, prive di impiego regolarmente retribuito da almeno 6 mesi e che risiedano in Regioni svantaggiate individuate anno per anno dal Consiglio dei Ministri.

Non sarà, invece, necessario verificare il luogo di residenza nell’ipotesi di assunzione di donne sempre prive di impiego regolarmente retribuito, ma purché ciò sussista da almeno 24 mesi: lo sgravio, anche in questa ipotesi, sarà il medesimo individuato poc’anzi.

Meritano, infine, un approfondimento gli incentivi introdotti dalla Legge di Stabilità 2013 (L. 228/2012) in merito alla stabilizzazione dei rapporti di lavoro e all’assunzione di giovani e donne. Con riferimento al primo aspetto, è stato riproposto l’incentivo di 12 mila euro a quelle aziende che decidano di trasformare un contratto a tempo determinato in uno a tempo indeterminato.

Detto incentivo scatterà, peraltro, in tutte le ipotesi di stabilizzazione del rapporto di lavoro, trasformando ad esempio le collaborazioni coordinate e continuative (a progetto o meno) ed i contratti di associazione in partecipazione con apporto di solo lavoro, in contratti a tempo indeterminato, anche se a tempo parziale. Per legge rientrano nell’agevolazione in parola tutti i contratti vigenti e quelli che risulteranno terminati da non più di 6 mesi.

Relativamente, invece, alle assunzioni a tempo determinato di giovani fino a 29 anni e di donne, di qualunque età, sono previsti, per i datori di lavoro, incentivi economici che variano a seconda della durata del contratto: in particolare, se il contratto non è inferiore ai 12 mesi, l’incentivo sarà di 3.000 euro; passerà a 4.000 euro per durate superiori a 18 mesi ed, infine, raggiungerà i 6.000 euro per contratti di almeno 24 mesi.

Da ultimo citiamo il credito d’imposta, per una cifra massima non superiore a 200.000.000 euro per impresa, che sarà concessa a tutte le aziende definite dal decreto Sviluppo bis (L. 221/2012) come “start up innovative” nell’ipotesi che assumano a tempo indeterminato personale altamente qualificato.

vota  
Inserendo i miei dati accetto le Condizioni d'uso e il trattamento dati
Voglio ricevere le newsletter di Axélero S.p.A. come specificato nel paragrafo 2b
Voglio ricevere le newsletter di società terze come specificato nel paragrafo 2c
SULLO STESSO ARGOMENTO
Somministrazione e rilancio dell’occupazione

del 08/07/2010

Con la Legge 23 dicembre 2009, n. 191 (Finanziaria 2010) il legislatore apportando importanti mod...

Il dirigente a progetto

del 13/07/2010

Sono sempre più numerose le aziende italiane che scelgono di avere un dirigente per il tempo necessa...

In Italia migliaia di lavoratori sono in nero

del 09/09/2010

Secondo l’Ufficio Studi della Confartigianato sono poco meno di 650.000 i lavoratori irregolari in...