Consulenza o Preventivo Gratuito

Il marito non tagli i capelli alla moglie, è reato!

del 26/03/2013

Contatta | Studio Legale Pecchi
v.le Leonardo da Vinci 114 Roma 00145 Roma (RM)
Il marito non tagli i capelli alla moglie, è reato!

Se si impone il taglio dei capelli si commette il reato di violenza privata.

Un uomo optava di vendicarsi del tradimento della moglie, tagliandole di netto i capelli, dopo che la stessa si era anche presa un pugno in faccia.

La Suprema Corte ha condiviso la decisione del giudice del merito sul reato di violenza privata aggravata che «punisce non già il mero atto di umiliazione della persona offesa, ma quello posto in essere facendo ricorso alla violenza o alla minaccia ed estrinsecatosi nell'imposizione di un comportamento o di una omissione in violazione della libertà morale».

Gli ermellini hanno anche condiviso l'aumento di pena relativo alle aggravanti di minaccia e ingiuria.

vota  
Con l'inserimento dei miei dati dichiaro di aver preso visione ed accettato il Trattamento dei Dati
SULLO STESSO ARGOMENTO
Insulti via mail non è molestia

del 22/07/2010

Secondo la Corte di Cassazione scrivere e inviare una email di insulti è completamente differente da...

Anche la diffamazione è stalking

del 23/09/2010

Se siete stati oggetto di diffamazione, ad esempio di fronte al vostro datore di lavoro, potete accu...

Niente insulti al dipendente suscettibile

del 01/10/2010

Il datore di lavoro che riprende un dipendente non è autorizzato in alcun modo a offenderlo con epit...