Consulenza o Preventivo Gratuito

Cassazione: è possibile la violenza sessuale a distanza

del 26/03/2013

Cassazione: è possibile la violenza sessuale a distanza

Come si legge nella sentenza n. 37076/2012 della Corte di Cassazione Penale, è possibile la violenza sessuale a distanza.

I fatti descrivono la condotta di un soggetto che contattava via chat alcune minorenni per farsi inoltrare delle fotografie a contenuto pornografico ritraenti le medesime.

Ebbene, è emerso che l’invio in più riprese delle foto in questione avveniva anche dietro minaccia verso una delle ragazze; sicché lo stesso autore veniva condannato per i reati di cui agli artt. 110, 81 cpv. e 600 ter, comma 1, c.p. (capo a), 81 cpv., art. 609 bis e ter, comma 1, n. 1, c.p. (capo b), 81 cpv., art. 609 bis e ter, comma 1 n. 1, c.p. (capo c), 629 c.p. (capo d) e 81 cpv., 56 e 629 c.p. (capo e).

Secondo la Cassazione “ l'art. 609 bis, comma 1, c.p. sanziona la condotta di “chiunque, con violenza o minaccia o mediante abuso di autorità, costringe taluno a compiere o subire atti sessuali”; allo stesso modo, il comma 2 della stessa norma contempla, quale illecito penale, la condotta di “chi induce taluno a compiere o subire atti sessuali” con le modalità poi specificate dai numeri 1) e 2).

È pertanto evidente che il reato di violenza sessuale non è esclusivamente caratterizzato dal contatto corporeo tra soggetto attivo e soggetto passivo del reato, ma può estrinsecarsi anche nel compimento di atti sessuali che lo stesso soggetto passivo, a ciò costretto o indotto dal soggetto attivo, compia su se stesso o su terzi.

Per tali ragioni, del resto, questa Corte ha da tempo affermato che l'attività di prostituzione che si caratterizzi per atti sessuali che la persona retribuita a tal fine compia appunto su se stessa o su terzi ben può essere svolta “a distanza', ovvero a fronte della presenza in due luoghi diversi del soggetto richiedente e del soggetto richiesto, come ad esempio, di prestazione richiesta ed effettuata per via telefonica o attraverso internet.

vota  
Con l'inserimento dei miei dati dichiaro di aver preso visione ed accettato il Trattamento dei Dati
SULLO STESSO ARGOMENTO
Insulti via mail non è molestia

del 22/07/2010

Secondo la Corte di Cassazione scrivere e inviare una email di insulti è completamente differente da...

Anche la diffamazione è stalking

del 23/09/2010

Se siete stati oggetto di diffamazione, ad esempio di fronte al vostro datore di lavoro, potete accu...

Niente insulti al dipendente suscettibile

del 01/10/2010

Il datore di lavoro che riprende un dipendente non è autorizzato in alcun modo a offenderlo con epit...