Consulenza o Preventivo Gratuito

Vietate le offese a sfondo sessuale verso le donne

del 11/03/2013

Contatta | Studio Legale Pecchi
v.le Leonardo da Vinci 114 Roma 00145 Roma (RM)
Vietate le offese a sfondo sessuale verso le donne

La Cassazione sottolinea la gravità delle offese a sfondo sessuale rivolte alle donne.

A dirlo è la quinta sezione penale, che ha preso in esame il caso di un uomo che sul posto di lavoro (un ospedale) si era rivolto ad una collega dicendole "sei una zo..." .

Gli ermellini fanno notare come "Ogni volta che si deve offendere una donna è immancabile il riferimento ai presunti comportamenti sessuali della stessa; qualunque sia il ceto sociale di appartenenza, qualunque sia il grado di istruzione, qualunque sia la natura della discussione l'uomo di norma non accusa la sua avversaria donna di dire il falso ma di "essere una pu... o una zo..., con ciò non solo offendendo gravemente la reputazione della donna ma cercando di porla in una condizione di marginalità e minorità", ha dichiarato la Suprema Corte.

Tutto anche quando è anche la donna ad offendere l’uomo.

La Cassazione ha dichiarato "davvero singolare che un uomo, che si presume di cultura, non si renda conto della gravità di un tale comportamento e invochi la reciprocità delle offese" e ha sottolineato la notevole differenza che intercorre tra le due offese rimarcando la gravità di quella perpetrata dall'uomo a discapito della donna.

vota  
Con l'inserimento dei miei dati dichiaro di aver preso visione ed accettato il Trattamento dei Dati
SULLO STESSO ARGOMENTO
Insulti via mail non è molestia

del 22/07/2010

Secondo la Corte di Cassazione scrivere e inviare una email di insulti è completamente differente da...

Anche la diffamazione è stalking

del 23/09/2010

Se siete stati oggetto di diffamazione, ad esempio di fronte al vostro datore di lavoro, potete accu...

Niente insulti al dipendente suscettibile

del 01/10/2010

Il datore di lavoro che riprende un dipendente non è autorizzato in alcun modo a offenderlo con epit...