Consulenza o Preventivo Gratuito

Rito del lavoro: le prime pronunzie applicative

del 10/01/2013

Rito del lavoro: le prime pronunzie applicative

Nel panorama delle molte pronunzie applicative sul nuovo rito introdotto dalla riforma Fornero, è d’uopo segnalare le ordinanze del Trib. di Bologna, (emesse da Giudici diversi), dello scorso 15 ottobre e, più recentemente, quella del 19 novembre, rispettivamente in materia di licenziamento disciplinare e licenziamento c.d. economico, conclusesi entrambe con un ordine di reintegrazione nel posto di lavoro del lavoratore licenziato: pronunce che sembrano negare la ratio delle modifiche di cui al novellato art. 18, ovverosia quella di rendere veramente residuale la sanzione della reintegrazione nel posto di lavoro, portando la mera sanzione del risarcimento del danno come regola delle conseguenze di quasi tutte le fattispecie di licenziamenti illegittimi, ad esclusione di quelli discriminatori.

Al contrario con queste prime pronunzie i Giudici sembrano applicare il novellato art. 18 dello statuto in realtà come se nulla fosse cambiato, ed anzi – come accaduto nella seconda pronunzia di cui si dà conto – con una forzatura  finalizzata alla reintegrazione del lavoratore licenziato.

Ma andiamo con ordine. 

Con la prima ordinanza il Giudice di Bologna, interpretando le modifiche apportate all’art. 18 e, in particolare, applicando il regime sanzionatorio di cui al comma 4, ha ordinato la reintegrazione del lavoratore licenziato – nel caso di specie, si trattava di un licenziamento intimato dopo il 18 luglio 2012, data di entrata in vigore della riforma - pur in presenza della sussistenza materiale del fatto contestato; fatto che - secondo il Giudice - non è stato, tuttavia, idoneo ad integrare il concetto di giusta causa di licenziamento. 
In particolare, il Giudice bolognese, accogliendo la tesi sostenuta dalla difesa del lavoratore, ha sostenuto che la norma in questione, parlando di fatto faccia necessariamente riferimento al cd. "fatto giuridico" inteso come il fatto globalmente accertato, nell'unicum della sua componente oggettiva e nella sua componente inerente l'elemento soggettivo, tale da integrare – ovvero da escludere  come nel caso di specie – la sussistenza della giusta causa invocata dalla azienda (si trattava di un comportamento del dipendente particolarmente offensivo e poco collaborante nei confronti del proprio responsabile diretto).
In sostanza, il giudice Bolognese ha ritenuto che il fatto/comportamento denunciato dall’azienda – pure sussistente - non fosse  così “grave” da integrare l’ipotesi della giusta causa (così applicando l’art. 18 nella sua vecchia formulazione), applicando tuttavia in luogo della eventuale indennità cui avrebbe avuto diritto il lavoratore a norma del nuovo art. 18, la sanzione della reintegrazione prevista invece per il caso di licenziamento discriminatorio ovvero di “insussistenza del fatto”.

È evidente che, qualora questa interpretazione accolta dal Trib. di Bologna fosse seguita da altri giudici, sarebbe da chiedersi allora che cosa è cambiato rispetto al passato. Infatti, verrebbe svuotato di efficacia l’intervento del legislatore sulle modificate di cui all’art. 18, anche alla luce degli obiettivi posti nella lettera della BCE del 5 agosto 2011. 

L’altra ordinanza emessa dallo stesso Tribunale ma da Giudice diverso, ha ordinato invece  la reintegrazione nel posto di lavoro di una dipendente licenziata per giustificato motivo oggettivo, c.d. licenziamento economico.
In particolare, nel caso di specie, la lavoratrice part time,  impugnando il licenziamento intimato in data 25 luglio 2012, lamentava la violazione dell’art. 5 D.lgs. n. 61/2000 a tutela del lavoro part-time, secondo cui il rifiuto di un lavoratore di trasformare il proprio rapporto di lavoro da tempo parziale a tempo pieno (e viceversa) non costituisce giustificato motivo di licenziamento: da qui la richiesta  reintegrazione nel posto di lavoro ai sensi dell’art. 18 L. 300/70, prevista per i licenziamenti discriminatori e per quelli determinati da “motivo illecito”. 
Il Giudice bolognese ha accolto integralmente il ricorso, dando atto che “la manifesta violazione di tale norma – integrata a suo dire dalla condotta della azienda per avere “offerto” alla lavoratrice in esecuzione dell’obbligo di repechage l’unica mansione disponibile che era tuttavia a full time – avrebbe  integrato il motivo illecito (!) nonché il carattere esclusivamente ritorsivo (e come tale discriminatorio: v. Cass. S.L. n. 6282/2011) e, quindi, la nullità del licenziamento intimato, che rende applicabile a favore della ricorrente la tutela reintegratoria prevista dal novellato art. 18 c. 1 della legge n. 300/1970 avverso il licenziamento discriminatorio nonché riconducibile ad altri casi di nullità previsti dalla legge o determinato da un motivo illecito determinante ai senso dell’art. 1345 del codice civile”.

Anche tale pronunzia desta gravi perplessità perchè non solo pare utilizzare in maniera forzata il concetto di discriminazione e di motivo illecito e dall’altro paralizza di fatto l’applicazione del nuovo art. 18 per i licenziamenti economici, ampliando a dismisura e senza limite il concetto di motivo illecito e discriminatori, o potenzialmente invocabile in molte fattispecie di recesso.

Vedremo se tali pronunzie troveranno seguito, ma di certo gli inizi non sono dei migliori per le aziende.

 § § §

Sul piano processuale, invece, si segnala una pluralità di orientamenti di non facile coordinamento, tenuto conto della vaghezza di alcuni passaggi normativi e delle differenti applicazioni da parte dei diversi Tribunali in giro per l’Italia.

Come è noto, l’art. 1, c. 47 e s. della Riforma ha introdotto un rito sommario per le cause di licenziamento con la finalità di ridurre la durata delle controversie di lavoro. In questa prima fase applicativa questo effetto non solo non si è ancora verificato ma, a quanto pare, il nuovo rito ha contribuito ad aumentare la grande incertezza applicativa della normativa lavoristica e, in tal caso, delle disposizioni di cui alla Legge 92/2012. Ed infatti, differenti interpretazioni stanno emergendo rispetto alcuni aspetti molto rilevanti della nuova procedura e, in generale, circa l’applicabilità del nuovo art. 18. 

Prima fra tutte è la questione riguardante l’applicabilità del nuovo art. 18 nelle cause promosse dopo l’entrata in vigore della riforma, ma aventi ad oggetto licenziamenti intimati prima di tale data. In questo caso, secondo la maggioranza dei Giudici, il regime sanzionatorio di cui alla nuova disposizione dell’articolo 18, non avendo quest’ultima carattere processuale ma sostanziale, si applicherebbe solo per i licenziamenti intimati dopo il 18 luglio (v. Trib. Milano 14.11.2012; Firenze 17.10.2012; Trib. Mantova 28.09.2012; Trib. Monza 30.10.2012 Trib. Milano 8.10.2012 – contra v. Trib. Milano 22.10.2012 e 16.10. 2012), mente il rito sommario si applicherebbe a tutte le controversie promosse da tale data, a prescindere dalla data di licenziamento.
Altra questione dibattuta concerne l’individuazione di quali controversie rientrano nel rito sommario, in quanto la legge assegna al rito tutti i licenziamenti rientranti nel campo dell’articolo 18, anche quando devono essere risolte questioni relative alla qualificazione del rapporto di lavoro.
Sul punto, un primo aspetto riguarda la sorte del giudizio, qualora emerga che il datore di lavoro non rientri nell’art. 18 in quanto non ha più di 15 dipendenti. In tali ipotesi, secondo alcune sedi giudiziarie, la domanda diventerebbe inammissibile, con conversione del rito sommario in rito ordinario (Trib. Milano), secondo altre si applicherebbe comunque il rito sommario (Trib. Padova) secondo altre ancora, la domanda sarebbe inammissibile senza conversione del rito (Trib. Monza, Trib. Venezia).

Circa l’esatta individuazione delle controversie che rientrano nel rito speciale in quanto hanno per oggetto la “qualificazione del rapporto”, secondo il Trib. Milano, non rientrerebbero in questa definizione le controversie per le quali si chiede la costituzione del rapporto di lavoro alle dipendenze di un soggetto diverso da quello che formalmente è datore di lavoro (per esempio appalto, somministrazione). Infatti, secondo alcuni Giudici milanesi, la cognizione del rito Fornero riguarderebbe solo ed esclusivamente la “prosecuzione del rapporto di lavoro” e non altre domande (nemmeno domande relative al riconoscimento di un rapporto di lavoro con altro soggetto – interposizione soggettiva – e nemmeno l’accertamento del centro unico di imputazione di interessi nei gruppi di società).

Ancora, alcuni Tribunali hanno qualificato come obbligatorio il nuovo rito (Trib. Milano, Monza, Brescia, Bologna, Roma, Reggio Calabria, Palermo), altri come “facoltativo”, ammettendo la possibilità per il ricorrente di valutare come più utile un ricorso ex art. 414 cp.c. quando l’impugnazione  del licenziamento si associ ad ulteriori domande (Trib. Firenze, Torino, Bari) e altri ancora hanno escluso che possa ancora utilizzarsi il ricorso d’urgenza ex articolo 700 c.p.c. (Trib. Monza, Rossano, mentre Bari è di parere opposto).
Infine, alcuni Tribunali assegnano, per raggiungere la massima rapidità del primo step del processo, al medesimo Giudice l’esame del ricorso sommario e dell’opposizione all’ordinanza (Trib. Milano, Roma, Monza, Bologna, Genova). Di avviso contrario risultano i Trib. Napoli, Ancona, Torino, Firenze e Bari.
Insomma un grande caos sotto il sole…

Anche qui staremo a vedere se ed in che misura si potrà raggiungere un minimo di unitarietà di orientamenti così da facilitare quella certezza del diritto di cui le aziende hanno disperatamente bisogno.

 

vota  
Con l'inserimento dei miei dati dichiaro di aver preso visione ed accettato il Trattamento dei Dati
SULLO STESSO ARGOMENTO
Somministrazione e rilancio dell’occupazione

del 08/07/2010

Con la Legge 23 dicembre 2009, n. 191 (Finanziaria 2010) il legislatore apportando importanti mod...

Il dirigente a progetto

del 13/07/2010

Sono sempre più numerose le aziende italiane che scelgono di avere un dirigente per il tempo necessa...

Indennità di maternità al padre

del 06/09/2010

Cattive notizie per i padri di famiglia liberi professionisti che non potranno percepire l’indennità...