Consulenza o Preventivo Gratuito

Concordato preventivo, ammissione al passivo, fallimento

del 13/11/2012

Contatta | Studio Legale Bonvicini
Stradone Porta Palio 8 Verona 37122 Verona (VR)
Concordato preventivo, ammissione al passivo, fallimento

L’ex lavoratore può insinuarsi al passivo di un’azienda in forza di sentenza passata in giudicato dopo la domanda di ammissione al concordato preventivo e prima della sentenza di fallimento?

Secondo la Corte di Cassazione (Cass. Civ. sez. I, 06/08/2010 n. 18437) “quando si verifichi a posteriori che lo stato di crisi in base al quale era stata chiesta l’ammissione al concordato preventivo in realtà coincideva con lo stato di insolvenza, l’efficacia della sentenza dichiarativa di fallimento va retrodatata alla data di presentazione della predetta domanda”.

Diamo per ipotesi che sia accertato, con sentenza dichiarativa di fallimento, che lo stato di insolvenza dell’azienda sussisteva al tempo della richiesta di ammissione al concordato preventivo. Gli effetti della sentenza fallimentare retrodaterebbero alla domanda di ammissione al concordato. Con quali conseguenze?

Se, al momento della domanda di ammissione al concordato, la sentenza di accertamento del credito del lavoratore nei confronti dell’azienda fosse stata emessa ma non ancora passata in giudicato (acquistando così definitività), tale credito potrebbe essere ammesso al passivo nel lasso di tempo tra la domanda di ammissione al concordato preventivo e la sentenza di fallimento?

Ai sensi dell'art. 2751-bis del codice civile il credito vantato dal lavoratore per prestazioni di attività lavorativa svolta per l’azienda, poi fallita è un “credito privilegiato”, cioè, va ammesso al passivo e con soddisfazione prioritaria rispetto agli altri creditori chirografari. La sentenza di accertamento del credito accerta un credito che è maturato precedentemente alla domanda di ammissione al concordato (per l’esattezza maturato al termine del rapporto di lavoro) e quindi all’accertato stato di insolvenza.

La conseguenza è che tale credito dovrà essere senz’altro ammesso al passivo e oltrettutto in via privilegiata in quanto credito da lavoro.

vota  
Inserendo i miei dati accetto le Condizioni d'uso e il trattamento dati
Voglio ricevere le newsletter di Axélero S.p.A. come specificato nel paragrafo 2b
Voglio ricevere le newsletter di società terze come specificato nel paragrafo 2c
SULLO STESSO ARGOMENTO
Somministrazione e rilancio dell’occupazione

del 08/07/2010

Con la Legge 23 dicembre 2009, n. 191 (Finanziaria 2010) il legislatore apportando importanti mod...

Il dirigente a progetto

del 13/07/2010

Sono sempre più numerose le aziende italiane che scelgono di avere un dirigente per il tempo necessa...

In Italia migliaia di lavoratori sono in nero

del 09/09/2010

Secondo l’Ufficio Studi della Confartigianato sono poco meno di 650.000 i lavoratori irregolari in...