Consulenza o Preventivo Gratuito

Sospensione dei versamenti tributari per i terremotati

del 18/07/2012

Sospensione dei versamenti tributari per i terremotati

L’art. 1 del D.M. 1° giugno 2012 ha prescritto la sospensione dei termini per l’adempimento degli obblighi tributari in favore dei contribuenti colpiti dal sisma del 20 maggio 2012. Tale sospensione ha natura soggettiva, cioè riguarda tutti i termini dei versamenti e degli adempimenti tributari riferibili ai soggetti individuati ai commi da 1 a 3 del medesimo art. 1, in pratica, le persone fisiche e giuridiche, che alla data del 20 maggio 2012 avevano la residenza, ovvero la sede legale od operativa, nei Comuni riportati nell’allegato 1 al decreto  (Comuni del cosiddetto “cratere ristretto”), a nulla rilevando la localizzazione dell’adempimento. Così, per esempio, in materia di IMU, non può essere messo in dubbio che i contribuenti residenti in un Comune terremotato possano usufruire della sospensione dei versamenti, in relazione a tutti gli immobili in loro possesso, anche se situati in Comuni non rientranti nell’elenco allegato al decreto. Questa semplice e chiara regola trova qualche intoppo quando si prendono in considerazione i sostituti di imposta ovvero coloro che per obbligo praticano delle ritenute fiscali ai propri collaboratori, e cioè, essenzialmente, i datori di lavoro. A questo proposito vanno fatte alcune precisazioni in riferimento alla sospensione dei loro obblighi. In particolare, l’espresso dettato normativo sospende esclusivamente gli obblighi facenti capo a sostituti d’imposta con sede legale o operativa nei comuni colpiti dal sisma, senza nulla disporre  con riferimento agli obblighi dei sostituti di imposta con sede legale ed operativa in zone fuori “cratere”, da esercitarsi nei confronti di soggetti residenti nei Comuni interessati dal sisma. Nel caso dell’Emilia l’intento del legislatore è, evidentemente, quello di escludere dalla sospensione i sostituti di imposta con sede legale o operativa ”fuori cratere”, a differenza di ciò che aveva disposto in occasione del terremoto che ha colpito l’Abruzzo, in cui era espressamente previsto che i sostituti di imposta, indipendentemente dal loro domicilio fiscale, non operavano le ritenute a richiesta dei contribuenti. Si auspica un urgente intervento legislativo correttivo sulla linea di quanto è stato previsto per l’ Aquila, altrimenti, rimanendo così la norma,  si crea una disparità di trattamento, non solo tra i terremotati dell’Emilia e quelli dell’ Abruzzo, ma, ciò che è ben più grave,  tra terremotati e terremotati. Infatti,  ad esempio, un lavoratore dipendente residente in un comune del cratere che lavora per una ditta con sede legale ed operativa in zona terremotata potrà richiedere la sospensione delle proprie ritenute fiscali, mentre  un lavoratore dipendente che lavora per una ditta con sede legale o operativa fuori dai territori terremotati , non può usufruire di questa facoltà e continuerà a pagare le tasse, pur essendo terremotato.
Dott. Arnaldo Aleotti

vota  
Con l'inserimento dei miei dati dichiaro di aver preso visione ed accettato il Trattamento dei Dati
SULLO STESSO ARGOMENTO
Stop alla "Black List" dei clienti telefonici morosi

Avv. Cristina Rastelli del 28/11/2011

Il garante della privacy ha risposto negativamente alla richiesta avanzata all’Autorità delle Comuni...

Contenzioso tributario: sanatoria sulle liti fiscali, ricorso e mediazione

Rag. Angelo Galdenzi del 16/01/2012

Permettetemi un breve commento alle dichiarazioni di Vincenzo Busa, direttore centrale Affari Legali...

Riforma del Catasto, è dato via libera dalla Camera

Arch. Silvia Cipelli del 16/10/2012

L’11 Ottobre scorso, con 369 voti a favore, la Camera dei Deputati ha finalmente votato il disegno...