Consulenza o Preventivo Gratuito

Indennità 2012: sale la maternità delle autonome

del 05/06/2012

Indennità 2012: sale la maternità delle autonome
Il congedo di maternità delle lavoratrici autonome spetta a:

  • coltivatrici dirette;
  • mezzadre;
  • colone;
  • imprenditrici agricole;
  • artigiane;
  • commercianti.
Requisito essenziale per il diritto alla prestazione è l’iscrizione alla relativa gestione previdenziale e la copertura contributiva del periodo indennizzabile.
La lavoratrice autonoma ha diritto, indipendentemente dall’effettiva astensione dal lavoro, ad un’indennità giornaliera corrisposta per i due mesi precedenti la data effettiva del parto e per i tre mesi successivi a tale data.
Il periodo complessivo comunque non può superare i 5 mesi, anche in caso di parto prematuro o successivo alla data. In caso di aborto spontaneo o terapeutico, verificatosi non prima del terzo mese di gravidanza, è corrisposta un’indennità giornaliera per 30 giorni.
In caso di adozione o affidamento il periodo indennizzabile è relativo ai tre mesi successivi la data di ingresso del bambino in famiglia.
Il trattamento giornaliero è pari all’80% della retribuzione minima giornaliera, che quest’anno (il periodo indennizzabile deve avere inizio nel 2012) ammonta a:

  • lavoratrici artigiane: € 45,70 (44,49 € nel 2011);
  • lavoratrici commercianti: € 45,70 (44,49 € nel 2011);
  • coltivatrici dirette, colone, mezzadre, imprenditrici agricole: € 39,58.
L’indennità viene corrisposta direttamente dall’Inps (con accredito su conto corrente o bonifico postale) e non è liquidabile prima che il parto sia avvenuto. 
Le lavoratrici iscritte alle casse e agli enti di previdenza e assistenza dei liberi professionisti hanno diritto a un’indennità giornaliera per i due mesi precedenti la data effettiva del parto e per i tre mesi successivi a tale data.
L’importo dell’indennità è pari all’80% di 5/12 del reddito professionale percepito dalla libera professionista nel secondo anno precedente quello dell’evento. Il minimo non può essere inferiore a 5 mensilità di retribuzione nella misura dell’80% del salario minimo giornaliero.
Le professioniste devono presentare domanda, redatta in carta libera, a partire dal 6° mese di gravidanza ed entro 180 giorni dal parto.
La domanda deve essere corredata di: certificato medico e dichiarazione attestante l’inesistenza del diritto alle indennità corrisposte dall’Inps.
Anche le lavoratrici parasubordinate (non titolari di altra forma di previdenza) con almeno 3 mensilità di accredito contributivo, hanno diritto ad un’indennità pari all’80% del reddito medio giornaliero per due mesi precedenti la data presunta del parto e per tre mesi successivi la data del parto.

Dott.ssa Giorgia Signaroldi
vota  
Con l'inserimento dei miei dati dichiaro di aver preso visione ed accettato il Trattamento dei Dati
SULLO STESSO ARGOMENTO
Somministrazione e rilancio dell’occupazione

del 08/07/2010

Con la Legge 23 dicembre 2009, n. 191 (Finanziaria 2010) il legislatore apportando importanti mod...

Il dirigente a progetto

del 13/07/2010

Sono sempre più numerose le aziende italiane che scelgono di avere un dirigente per il tempo necessa...

In Italia migliaia di lavoratori sono in nero

del 09/09/2010

Secondo l’Ufficio Studi della Confartigianato sono poco meno di 650.000 i lavoratori irregolari in...