CERCA UN PROFESSIONISTA
CERCA NELL'ENCICLOPEDIA
 

Incidenti stradali: danni per i giorni di agonia

Incidenti stradali: danni per i giorni di agonia
In caso di incidente stradale in cui il colpevole causa il decesso di un'altra persona, gli eredi di quest’ultima hanno diritto al risarcimento del danno subito, inteso come danno non patrimoniale, liquidato dal Giudice in via equitativa. Il risarcimento del danno non patrimoniale trova il suo fondamento nell’articolo 2059 del codice civile, che recita espressamente: “Il danno non patrimoniale deve essere risarcito solo nei casi determinati dalla legge”. Ciò significa che questo tipo di danno è un danno tipico, in quanto è risarcibile solo se previsto per legge e l’articolo 185 del codice penale prevede che ogni reato obbliga chi l’ha commesso non solo alle restituzioni previste per legge, ma anche al risarcimento del danno, sia esso di natura patrimoniale che non patrimoniale.
Con la nota sentenza n. 26972 dell’11 novembre 2008, le Sezioni Unite della Cassazione hanno stabilito che quando il fatto illecito integra gli estremi di un reato spetta alla vittima il risarcimento del danno non patrimoniale nella sua più ampia accezione, ivi compreso il danno morale inteso quale sofferenza fisica soggettiva causata dal reato, che si trasmette agli eredi. Tale pregiudizio può essere permanente o temporaneo (circostanze delle quali occorre tener conto ai fini della liquidazione, ma irrilevante ai fini della risarcibilità) e può sussistere sia da solo sia unitamente ad altri tipi di pregiudizi non patrimoniali (come quelli derivanti da lesioni personali).
La risarcibilità del cosiddetto “danno da agonia” consistente in quel danno non patrimoniale, autonomamente apprezzabile, causato dal protrarsi di una lunga e dolorosa agonia, consapevolmente inutile, veniva invece negata dalla costante giurisprudenza nel caso in cui tra l’evento lesivo e la morte non fosse trascorso un apprezzabile lasso di tempo.
Con la sentenza n. 4229 del 16 marzo 2012 (nella quale i Giudici hanno accolto la domanda dei parenti di una donna deceduta a seguito di un terribile incidente stradale, che aveva trascorso ben sei giorni di sofferenze prima di spirare) la Cassazione, sconfessando la decisione dei Giudici di merito, ha riconosciuto la risarcibilità del danno anche se la morte è intervenuta pochi giorni dopo il sinistro. Il danno biologico, trasmissibile in eredità ai congiunti, è stato riconosciuto in capo al danneggiato per il fatto che la paziente era cosciente delle proprie sofferenze. Questa sentenza ha creato un primo precedente circa l’esistenza e la risarcibilità del danno da agonia, ma richiedeva ancora un certo lasso di tempo (quantificabile in giorni) per la riconoscibilità del danno non patrimoniale e, soprattutto, la trasmissibilità del relativo credito agli eredi.
Con la sentenza della Cassazione n. 7499 del 14 maggio 2012 (trattasi di persona sopravvissuta in coma per 12 ore dopo un incidente stradale e poi deceduta) viene superato anche il limite della percezione dello stato di malattia durante lo stato di sopravvivenza della vittima, riconoscendo il risarcimento del danno non patrimoniale in considerazione del solo “pregiudizio sofferto in quel lasso di tempo da parte della vittima e del pregiudizio morale soggettivo derivato ai suoi prossimi congiunti”.
Infine, quanto alla quantificazione del danno da agonia, si applica quanto previsto per il danno morale, di cui costituisce una componente. Si dovrà utilizzare la quantificazione equitativa, che andrà operata avendo presenti sia il criterio equitativo puro sia il criterio di liquidazione tabellare, con la personalizzazione da parte del Giudice, che dovrà adeguare questi criteri al caso concreto.

Avv. Vanda Cappelletti
Studio Legale Avvocato Vanda Cappelletti

Registrati e Fai una domanda




Uomo
Donna
(non verrà pubblicato)

(scegli dall'elenco)



* Con l'inserimento dei tuoi dati dichiari di aver letto ed accettato le condizioni d'uso del sito ed il trattamento dei dati da parte di Professionisti s.r.l.
se vuoi accettare i consensi separatamente

Desidero ricevere comunicazioni promozionali e newsletter da parte di Professionisti s.r.l.
come specificato all' art 3b
Desidero ricevere comunicazioni promozionali e newsletter da parte di società terze anche relative ad indagini di mercato su prodotti e servizi operanti nel settore editoriale, largo consumo e distribuzione, finanziario, assicurativo, automobilistico, dei servizi e ad organizzazioni umanitarie e benefiche come specificato all' art 3c

STUDI COMPETENTI

Commercialisti

Studio Boni Filippo

Via della Previdenza Sociale, 13
42124 Reggio Emilia - Reggio nell'Emilia (RE)
Tel. 0522239850 - Fax. 0522239822

fboni@aesseconsulting.com - www.studiofboni.it

IN EVIDENZA
Contabilità, Bilancio, Fallimento, Revisione, Operazioni straordinarie, Conciliazione e mediazione, Controllo di gestione
Avvocati

NL Studio Legale

Piazza Castello, 24
20121 Milano (MI)
Tel. 0272020041 - Fax. 0247921271

info@studio-nl.com - www.studio-nl.com

IN EVIDENZA
Consulenze civilistiche, Procedure concorsuali, Società commerciali, Marchi e brevetti, Recupero crediti, Prodotti finanziari, Tutela del lavoratore, Consumatori, Responsabilità medica, Tutela dei diritti
Avvocati

Studio legale Avv. Andrea Giordano

via Dino Frescobaldi, 3
00137 Roma (ROMA)
Tel. 068278136 - Fax. 0697259032

degiordy@tiscalinet.it - www.avvocatoandreagiordano.it

IN EVIDENZA
Reati






CALCOLO MINI IMU
Inserisci la tua rendita
catastale e procedi al
Calcolo Mini IMU →

ULTIME NEWS

IN PRIMO PIANO

Aggiornato al 01/09/2014
Economia e ingegneria elettronica al lavoro

IN PRIMO PIANO

Aggiornato al 01/09/2014
Istat, retribuzioni stabili

IN PRIMO PIANO

Aggiornato al 01/09/2014
Avvocati, cancellazione dall'Albo entro 90 gg

IN PRIMO PIANO

Aggiornato al 25/08/2014
Assegno di divorzio no se la ex convive

IN PRIMO PIANO

Aggiornato al 25/08/2014
Srl trasparenti

[x] chiudi

IN PRIMO PIANO

Aggiornato al 25/08/2014
730 precompilato, cosa cambierà dal 2015


FEED
SHARE
Scrivici  per informazioni sul servizio
La redazione è offline