CERCA UN PROFESSIONISTA
CERCA NELL'ENCICLOPEDIA
 

Ultimi aggiornamenti su invii antiriciclaggio anonimi

Ultimi aggiornamenti su invii antiriciclaggio anonimi
Il decreto ministeriale del 4 maggio 2012, pubblicato in Gazzetta Ufficiale n. 110 del 12 maggio 2012 e in vigore dal giorno stesso, ha riconosciuto anche ai Dottori Commercialisti ed Esperti Contabili, la possibilità di segnalare le operazioni sospette di riciclaggio al proprio Consiglio Nazionale oltre che all’Unità di Informazione Finanziaria (UIF). Tale facoltà era già concessa da alcuni anni ai Notai e ai Consulenti del Lavoro.
Il primo comma dell’articolo 41 del decreto legislativo 231/2007 prescrive a i destinatari degli obblighi antiriciclaggio di inviare una segnalazione di operazione sospetta, quando “sanno, sospettano o hanno motivi ragionevoli per sospettare che siano in corso o che siano state compiute o tentate operazioni di riciclaggio o di finanziamento del terrorismo". Il sospetto è desunto da caratteristiche, entità, natura dell’operazione o da qualsivoglia altra circostanza conosciuta in ragione delle funzioni esercitate, tenuto conto della capacità economica e dell’attività svolta dal soggetto cui è riferita, in base agli elementi a disposizione dei segnalanti, acquisiti nell’ambito dell’attività svolta ovvero a seguito del conferimento di un incarico.
L’articolo 43, comma 1 del decreto legislativo 231/2007 riconosce ai professionisti la possibilità di trasmettere la segnalazione in questione ai relativi Consigli Nazionali dei rispettivi ordini, anziché direttamente alla UIF. Il Consiglio Nazionale dei Dottori Commercialisti ed Esperti Contabili con nota del 16 maggio 2011 aveva dato la propria disponibilità a ricevere le segnalazioni di operazioni sospette da parte dei propri iscritti. Il decreto ministeriale del 4 maggio 2012 riconosce ora tale legittimazione così come era avvenuto da qualche anno per i Consulenti del Lavoro e per il Notariato.
I commi 3 e 4 del medesimo articolo 43, prevedono che il Consiglio Nazionale, dopo avere ricevuto la segnalazione, provveda senza ritardo a trasmetterla integralmente alla UIF, priva del nominativo del segnalante, nominativo che comunque è custodito per eventuali richieste di ulteriori informazioni da parte della UIF, della Guardia di Finanza e del Dipartimento Investigativo Antimafia (DIA).
La trasmissione della segnalazione di operazione sospetta alla UIF da parte del Consiglio Nazionale, avviene per via telematica e con modalità idonee a garantire la riferibilità della trasmissione dei dati ai soli soggetti interessati, nonché l’integrità delle informazioni trasmesse.
Il diretto coinvolgimento del Consiglio Nazionale, nella segnalazione delle operazioni sospette, lascia finalmente presagire un cambiamento del ruolo degli Ordini professionali; si passerà infatti dalla semplice formazione degli iscritti in materia di antiriciclaggio fin qui svolta, al diretto coinvolgimento nell’applicazione della normativa, andando in soccorso degli iscritti esposti a tutti i rischi che si accompagnano a una non puntuale osservanza della disciplina, pur nella consapevolezza dell’assurdità di taluni suoi aspetti.
I dati UIF sulle segnalazioni delle operazioni sospette effettuate , prontamente riprese dai media non specializzati, hanno fatto passare il messaggio fuorviante che, a fronte di oltre 113.000 iscritti all’albo, le segnalazioni provenienti dalla categoria sono state solo poche decine, gettando un velo di sospetto su tutta la categoria.
Si auspica che gli Ordini direttamente coinvolti possano provare a spiegare che il raffronto semplicisticamente proposto tra segnalazioni inviate e iscritti all’albo è sbagliato e tendenzioso. Ben più adeguato sarebbe il raffronto tra il numero di segnalazioni e il numero degli iscritti condannati per il reato di riciclaggio o concorso in riciclaggio. Non ci sono dati ufficiali in proposito, tuttavia intuitivamente appare chiaro che sul piano sostanziale gli obblighi antiriciclaggio, adempiuti o non adempiuti, riguardano una percentuale estremamente ridotta di coloro che esercitano la professione di Dottore Commercialista ed Esperto Contabile.

Dott. Arnaldo Aleotti
Studio Aleotti

Registrati e Fai una domanda




Uomo
Donna
(non verrà pubblicato)

(scegli dall'elenco)



* Con l'inserimento dei tuoi dati dichiari di aver letto ed accettato le condizioni d'uso del sito ed il trattamento dei dati da parte di Professionisti s.r.l.
se vuoi accettare i consensi separatamente

Desidero ricevere comunicazioni promozionali e newsletter da parte di Professionisti s.r.l.
come specificato all' art 3b
Desidero ricevere comunicazioni promozionali e newsletter da parte di società terze anche relative ad indagini di mercato su prodotti e servizi operanti nel settore editoriale, largo consumo e distribuzione, finanziario, assicurativo, automobilistico, dei servizi e ad organizzazioni umanitarie e benefiche come specificato all' art 3c

STUDI COMPETENTI

Avvocati

Studio Legale Avv. Daria Pesce

Via Colonnetta, 5
20122 Milano (MI)
Tel. 025455553 - Fax. 0255180986

info@avvocatodariapesce.it - www.avvocatodariapesce.it

IN EVIDENZA
Stupefacenti, Illeciti amministrativi, Reati, Reati contro la PA, Responsabilità amministrativa da reato degli enti, Reati informatici, Reati contro la persona, Reati contro il patrimonio, Reati contro l'industria e il commercio, Sanzioni sostitutive
Avvocati

Studio legale Avv. Andrea Giordano

via Dino Frescobaldi, 3
00137 Roma (ROMA)
Tel. 068278136 - Fax. 0697259032

degiordy@tiscalinet.it - www.avvocatoandreagiordano.it

IN EVIDENZA
Reati
Consulenti di direzione

Studio Professionale di Consulenza Integrata

via Gabriele d'Annunzio, 33
20900 Monza (MB)
Tel. 0392109651 - Fax. 0392109651

as@alessiosalinetti.it - www.alessiosalinetti.it

IN EVIDENZA
Condominio, Consulenze amministrative, Dichiarazioni dei redditi, Finanza agevolata, Servizi per professionisti, Consulenza di direzione, Controllo di gestione, Finanza d'impresa






CALCOLO MINI IMU
Inserisci la tua rendita
catastale e procedi al
Calcolo Mini IMU →

LEGGI ANCHE

IN PRIMO PIANO

Mutuo ipotecario e detrazione degli interessi

Nel caso che il mancato utilizzo dell’immobile quale dimora abituale non sia dipendente dalla volontà del contribuente, ma sia causato da ragioni di lavoro, è possibile continuare a considerare quale abitazione principale l’immobile, con la possibilità...



IN PRIMO PIANO

Detrazione fiscale per chi investe in start-up innovative

Secondo quanto precisato dalla Circolare 26/E dell’Agenzia delle Entrate, è necessario presentare il modello UNICO. Gli investimenti in start up innovative sono agevolati fiscalmente dall’articolo 29 del decreto legge 179/2012: detrazione del 19% per...



IN PRIMO PIANO

Come si rateizzano gli avvisi bonari

La Rateizzazione Agenzia Entrate 2015 può essere richiesta da tutti i contribuenti che vogliono versare a rate le somme dovute a titolo di saldo e di acconto delle imposte, gli avvisi bonari e le cartelle di pagamento, con un numero di rate diverso per...



IN PRIMO PIANO

Redditi, meno controlli in arrivo

Chi evita di presentare una dichiarazione fiscale pur rientrando nelle categorie tenute a rispettare questo obbligo adotta un comportamento sanzionabile. Tuttavia il fisco italiano ha deciso di ammorbidire le proprie posizioni, concedendo maggiore tolleranza...



IN PRIMO PIANO

Detraibili le spese mediche estere

E' uso comune fra gli italiani recarsi all'estero per effettuare determinate cure mediche. In particolare, sono molte le persone che si affidano a dentisti stranieri - come quelli di paesi vicini quali la Croazia e la Slovenia - per risparmiare qualcosa....



[x] chiudi

IN PRIMO PIANO

Telefonia, stop al roaming dal 2017

Telefonia: roaming addio Avevamo già avuto modo di parlare della volontà dell'Unione Europea di mettere la parola fine alle tariffe di roaming, un costo aggiuntivo per telefonate e navigazione in rete all'estero che molti si trovano costretti a pagare...




FEED
SHARE
Parla con noi  per informazioni sul servizio
La redazione è online