Il Professionista su misura per te
o richiedi una
Chiedi una Consulenza o Preventivo Gratuito

Certificato di Prevenzione Incendi - CPI

del 06/07/2016
CHE COS'È?

Certificato di Prevenzione Incendi - CPI: definizione

Il Certificato Prevenzione Incendi (CPI) è un insieme di norme, applicazioni e azioni che portano a rendere l’organismo edilizio e/o l’attività produttiva/commerciale/di deposito/ecc. ragionevolmente sicuro rispetto ai rischi derivanti da incendio. La sicurezza è rivolta alla tutela delle persone, delle cose e dell’ambiente.
La normativa riporta un elenco di 97 “attività” soggette alle visite di prevenzione incendi da parte dei Comandi Provinciali Vigili del Fuoco. Ciò non esime le attività non soggette dal rispettare norme di carattere generale e/o specifiche.



COME SI FA

Certificato prevenzione incendi: come si fa

Dal punto di vista pratico si mettono in atto le misure previste dalle norme e dalla valutazione dei rischi d’incendio. Eseguiti i lavori, si richiede al Comando Provinciale Vigili del Fuoco il sopralluogo per il rilascio del Certificato Prevenzione Incendi (CPI) allegando le certificazioni delle opere eseguite e dei materiali impiegati. Importante è rammentarsi che non basta “eseguire opere”, ma occorre anche informare il personale e formare gli addetti alla prevenzione incendi.

Ottenuto il Certificato Prevenzione Incendi, o messe in atto le misure per le attività non soggette, occorre mantenere in essere le caratteristiche e la funzionalità di quanto realizzato, non dimenticando la continua formazione ed informazione del personale.


CHI

Un tecnico iscritto agli Albi Professionali provvede alla stesura della documentazione tecnica progettuale e si procede con la richiesta di Parere di Conformità Antincendio al Comando Provinciale Vigili del Fuoco. Eseguiti i lavori, il tecnico certifica quanto di sua competenza e si inoltra la richiesta del Certificato di Prevenzione Incendi.



FAQ

Certificato prevenzione incendi: quanto dura?

La validità del Certificato Prevenzione Incendi (CPI) è, per la maggior parte delle attività, di tre o sei anni e la scadenza è riportata sul certificato stesso. 

Certificato di Prevenzione Incendi: come si rinnova?

Alla scadenza il titolare dell’attività inoltra istanza al Comando Provinciale Vigili del Fuoco allegando un dichiarazione di “situazione non mutata” rispetto al Certificato in scadenza e l’inoltra al Comando Provinciale VVF. Nel caso siano presenti impianti con rilevanza ai fini della prevenzione incendi (idranti, rilevazione fumo, ecc.) occorre anche allegare una o più perizie giurate, redatte da tecnici iscritti in un apposto Albo, che certifica l’efficienza e la funzionalità degli impianti stessi.

Ci sono sanzioni per chi non ha il Certificato Prevenzione Incendi?

Si sono previste sanzioni a carico del Titolare dell’attività oltre a risvolti di natura penale nei casi in sui si coinvolga anche il mancato rispetto di norme sulla sicurezza sul lavoro.

Ho ottenuto il visto dai Vigili del Fuoco, eseguito i lavori e chiesto il Certificato Prevenzione Incendi, posso iniziare l’attività?

Si, se ha depositato al Comando Provinciale VVF anche la Dichiarazione di Inizio Attività (DIA) in cui dichiara che l’attività è stata realizzata nel rispetto delle prescrizioni vigenti in materia di sicurezza antincendio. La DIA sostituisce a tutti gli effetti il CPI sino al rilascio dello stesso.
vota  

Inserendo i miei dati accetto le Condizioni d'uso e il trattamento dati
Voglio ricevere le newsletter di Axélero S.p.A. come specificato nel paragrafo 2b
Voglio ricevere le newsletter di società terze come specificato nel paragrafo 2c

PREVENZIONE INCENDI: VOCI CORRELATE

Progettazione antincendio in edifici civili, industriali/commerciali, rurali

di del 07/12/2016

La progettazione antincendio in edifici civili, industriali, commerciali e rurali è fondamentale per..

Certificazioni del fuoco

di del 11/05/2017

Le certificazioni del fuoco e le omologazioni nei settori della resistenza al fuoco e della reazione..

Inertizzazione di materiali combustibili

di Dr. Ing. Enrico de Carli del 31/03/2011

Per l’inertizzazione di materiali combustibili e spegnimento di focolai di incendio è molto us..