Il Professionista su misura per te
o richiedi una
Chiedi una Consulenza o Preventivo Gratuito

Imposta di registro

del 26/10/2015
CHE COS'È?

Imposta di registro: definizione

L'imposta di registro è un'imposta o tassa che è necessario pagare all'Agenzia delle Entrate per la registrazione di specifici atti giuridici. Si tratta di un tributo, previsto dall'ordinamento della Repubblica Italiana, che ha la natura di imposta o di tassa, a seconda dei casi: è un'imposta se viene calcolata in funzione del valore economico del negozio o dell'atto, mentre è una tassa se dipende dall'erogazione di un servizio fornito dalla pubblica amministrazione. 


COME SI FA

Qual è l'ufficio competente per l'imposta di registro?

Per quel che riguarda gli atti che vengono rogati da un ufficiale rogante, come per esempio un notaio, la registrazione deve avvenire presso la sede dell'Agenzia delle Entrate della stessa circoscrizione in cui il pubblico ufficiale risiede. Tutti gli altri atti, invece, possono essere registrati in qualunque ufficio italiano dell'Agenzia delle Entrate: è necessario, tuttavia, che per le denunce di eventi successivi alla registrazione ci si rechi sempre presso lo stesso ufficio dove l'atto a cui gli eventi si riferiscono è stato registrato. 

Come si misura l'imposta?

L'imposta può essere fissa, minima, proporzionale o predeterminata a seconda dell'atto che viene registrato. In particolare, l'importo fisso indipendentemente dal valore dell'atto ha come presupposto l'erogazione del servizio amministrativo di registrazione; l'importo minimo, uguale all'importo fisso, viene versato nel momento in cui la prima registrazione viene eseguita; l'importo proporzionale è calcolato in percentuale rispetto al valore dell'atto che deve essere registrato; l'importo predeterminato è prestabilito a seconda del tipo di bene (per esempio un'imbarcazione, un motoveicolo o una macchina).


CHI

Un commercialista o un revisore contabile.


FAQ

1. Cosa sono gli atti soggetti a registrazione in termine fisso?

Gli atti soggetti a registrazione in termine fisso presuppongono la necessità di presentare una richiesta di registrazione entro 30 giorni dalla data più vecchia tra quella dell'inizio del contratto e quella dell'atto nel caso di locazioni e per tutti gli atti telematici che vengono stipulati da notai e altri ufficiali roganti, entro 20 giorni dalla data più vecchia tra quella dell'inizio del contratto e quella dell'atto nel caso di tutti gli altri formati nel nostro Paese ed entro 60 giorni dalla data più vecchia tra quella dell'inizio del contratto e quella dell'atto nel caso di atti formati fuori dall'Italia.  

2. Quali sono gli atti interessati dall'imposta di registro?

Possono essere molteplici: per esempio, operazioni societarie come gli aumenti di capitale sociale, le scissioni, i trasferimenti in Italia di società o enti esteri, le fusioni, e così via; oppure, gli atti che sono stati formati in un Paese straniero e che riguardano la costituzione di diritti reali o il passaggio della proprietà di beni immobili nel territorio italiano; o, ancora, i contratti verbali di affitto e locazione riguardanti beni immobili italiani; o, infine, tutti gli atti scritti che sono indicati nella tariffa e che hanno a che fare con prestazioni a contenuto patrimoniale. 

3. Cosa sono gli atti soggetti a registrazione in caso d'uso?

Gli atti soggetti a registrazione in caso d'uso non presuppongono come obbligatoria la richiesta di registrazione, la quale è semplicemente un onere che permette di trarre vantaggio dal suo uso. L'imposta in caso d'uso non viene applicata per sostenere una richiesta di insinuazione al passivo fallimentare, in un giudizio amministrativo, in un giudizio penale, in un giudizio civile o per adempiere a un obbligo della pubblica amministrazione; vi si ricorre, invece, per le scritture private non autenticate relative alla cessione di servizi o beni soggetti a Iva e per gli atti che vengono individuati attraverso il rinvio a disposizioni diverse, formati attraverso corrispondenza. 

4. Cosa sono gli atti non soggetti a registrazione?

Gli atti non soggetti a registrazione presuppongono che la richiesta di registrazione sia semplicemente volontaria e possa essere inoltrata da chi sia interessato a confermare l'esistenza dell'atto e della data dell'atto. 
vota  

Con l'inserimento dei miei dati dichiaro di aver preso visione ed accettato il Trattamento dei Dati

IMPOSTE: VOCI CORRELATE

IRPEF - Imposta sul Reddito Persone Fisiche

di Rag. Marco Vizzini del 21/09/2011

L'Irpef è un'imposta diretta, personale, progressiva per scaglioni che si applica al reddito comples..

IVA esente esclusa non imponibile

di del 11/01/2012

L'imposta sul valore aggiunto è un tributo dovuto al ricorrere di tre presupposti: oggettivo: d..

Imposte dirette

di Rag. Marco Vizzini del 10/01/2012

Prima di analizzare le imposte dirette cerchiamo di chiarire alcuni concetti di base. I tributi si s..

Pignoramento presso terzi e ritenute alla fonte

di Dott. Giovanni Sanfilippo del 07/06/2011

La modifica introdotta all'articolo 21, comma 15, della legge 27 dicembre 1997, n. 449 ha introdotto..

IMU: Imposta Municipale Unica

di Rag. Maurizio Cason Villa del 11/06/2013

Il decreto legge 6.12.2011 n. 201 all’articolo 13, convertito con medicazioni dalla legge 22.12.201..