Il Professionista su misura per te
o richiedi una
Chiedi una Consulenza o Preventivo Gratuito

Il VII Programma Quadro UE per la Ricerca e lo Sviluppo Tecnologico

del 16/02/2011
CHE COS'È?

Il VII Programma Quadro UE per la Ricerca e lo Sviluppo Tecnologico: definizione

E' il più importante strumento finanziario dell'Unione Europea per sostenere la ricerca e lo sviluppo tecnologico in Europa. Nel periodo 2007-2013 sono disponibili fondi per oltre 50 miliardi di euro. Il Settimo Programma Quadro si pone l'obiettivo di facilitare la partecipazione e la cooperazione di università, centri di ricerca, imprese nei processi di sviluppo tecnologico ed è composto da 4 programmi specifici più un quinto programma sulla ricerca nucleare.

Cooperazione - Ricerca in collaborazione

  • Salute
  • Prodotti alimentari, agricoltura e biotecnologia
  • Tecnologie dell'informazione e della comunicazione
  • Nanoscienze, nanotecnologie, tecnologie dei materiali e processi di produzione
  • Energia
  • Ambiente (incl. cambiamenti climatici)
  • Trasporto (incl. aeronautica)
  • Scienze socioeconomiche e umanistiche
  • Sicurezza
  • Spazio

Idee - Consiglio europeo della ricerca

  • Azioni di "ricerca di frontiera"

Persone - Potenziale umano, azioni "Marie Curie"

  • Formazione iniziale dei ricercatori - Reti Marie Curie
  • Formazione continua e sviluppo della carriera - Borse di studio individuali
  • Percorsi e partenariati congiunti industria-università
  • Dimensione internazionale - borse di studio in uscita e in entrata, meccanismo di cooperazione internazionale, contributi per il reinserimento
  • Premi di eccellenza

Capacità - Capacità di ricerca

  • Infrastrutture per la ricerca
  • Ricerca a vantaggio delle PMI
  • Regioni della conoscenza
  • Potenziale di ricerca
  • Scienza nella società
  • Sostegno allo sviluppo coerente delle politiche di ricerca
  • Attività specifiche di cooperazione internazionale

Ricerca e formazione nel settore nucleare

  • Energia di fusione – ITER
  • Fissione nucleare e protezione da radiazioni

Centro comune di ricerca

  • Azioni dirette in CEEA
  • Azioni non nucleari
Fasi.biz


COME SI FA

Partecipazione e adempimenti

La Commissione pubblica inviti (bandi) a presentare proposte per azioni di R&ST conformemente alle disposizioni stabilite nei programmi specifici e nei programmi di lavoro. I bandi saranno pubblicati a partire da gennaio 2007. E' prevista la presentazione elettronica obbligatoria (EPSS) delle proposte.

Agevolazioni

Per il contributo finanziario della Comunità sono previsti tre tipi di sovvenzione:

  1. rimborso dei costi ammissibili,
  2. importo forfetario e
  3. finanziamento a tasso forfetario.

Questi meccanismi di finanziamento potranno, singolarmente o combinati, concorrere alla copertura dell'intero contributo finanziario relativo ad un dato progetto.

Il contributo finanziario della Comunità coprirà al massimo il 50% dei costi ammissibili (deducendo le eventuali entrate), sia per le attività di ricerca che per le attività di dimostrazione.

Per le PMI, gli organismi pubblici, le Università, gli istituti di istruzione secondaria e superiore e le organizzazioni di ricerca senza scopo di lucro e' previsto un innalzamento del massimale sopra indicato fino al 75%.

Le azioni di "ricerca di frontiera" saranno rimborsate al 100% per tutti i soggetti. Allo stesso modo, tutte le altre attività, comprese le azioni di formazione e per lo sviluppo della carriera dei ricercatori saranno rimborsate fino al 100% per tutti i partecipanti.

Costi ammissibili

I costi diretti ammissibili sono quelli attribuibili direttamente al progetto, identificabili e giustificabili secondo le regole ed i principi interni al contraente.

La commissione non individua categorie predefinite di costi diretti, che possono essere sommariamente riconducibili alle seguenti voci di costo:

  • costi di personale di ricerca;
  • costi per viaggi e trasferte;
  • costi per equipaggiamento durevole ed inventariabile;
  • costi per sub-contratti (per i quali si applicano condizioni specifiche di regolamentazione);
  • costi per i beni di consumo.

I costi indiretti ammissibili sono quei costi che non possono essere attribuiti direttamente al progetto ma che sono sostenuti in relazione con i costi diretti ammissibili. Devono essere identificati nel rispetto dei principi contabili del contraente e possono essere considerati tali:

  • i costi generali per l'amministrazione e la gestione del progetto;
  • i costi per gli spazi fisici (laboratori, uffici, inclusi costi di affitto, deprezzamento dei locali e dell'equipaggiamento), delle utilities (acqua, riscaldamento, consumi elettrici), delle assicurazioni e delle manutenzioni;
  • i costi per le telecomunicazioni, spese postali e forniture d'ufficio.

Per la copertura dei costi indiretti ammissibili, i partecipanti possono optare per un tasso forfetario calcolato con riferimento al totale dei costi diretti ammissibili ad esclusione dei costi diretti ammissibili di subappalto (subcontracting).  

Condizioni di ammissibilità dei costi:  

Sono ammissibili i costi che rispondono ai seguenti requisiti:

  • corrispondenza ai presupposti fondamentali del co-finanziamento e del no-profit;
  • essere effettivi, sostenuti nel corso della durata dell'azione;
  • essere determinati conformemente ai principi e alle pratiche contabili e di gestione abituali del partecipante e rispettosi dei principi di efficienza, efficacia ed economia;
  • essere registrati nelle scritture contabili del contraente;
  • essere al netto dei costi non ammissibili, in particolare tasse indirette (compresa l'imposta sul valore aggiunto), diritti, interessi, debitori, accantonamenti per possibili perdite od oneri futuri, perdite di cambio, spese eccessive o sconsiderate e qualsiasi costo non soddisfi le condizioni sopra elencate.

Report e Auditing

I partecipanti devono presentare alla Commissione rapporti periodici concernenti i costi ammissibili, gli interessi finanziari derivanti dai prefinanziamenti e le entrate in relazione all'azione indiretta interessata, se del caso certificati da un revisore.

Per gli organismi pubblici e le Università il certificato di audit può essere predisposto da un funzionario pubblico competente.


CHI

Soggetti candidabili

La partecipazione è consentita alle persone fisiche o giuridiche , inclusi gli istituti di ricerca, le università, gli enti pubblici, l'industria, con particolare riguardo alle PMI, di uno Stato Membro o di uno paese associato. I soggetti giuridici stabiliti nei paesi associati possono partecipare allo stesso titolo dei soggetti giuridici stabiliti negli Stati membri.

Le condizioni di partecipazione prevedono generalmente che i partecipanti si organizzino in consorzi internazionali (paneuropei) composti da soggetti appartenenti ad almeno 3 Stati Membri o Associati (devono partecipare almeno tre soggetti giuridici, ognuno dei quali и stabilito in uno Stato membro o un paese associato; in nessun caso due di questi soggetti giuridici possono essere stabiliti nello stesso Stato membro o paese associato).


vota  

Inserendo i miei dati accetto le Condizioni d'uso e il trattamento dati
Voglio ricevere le newsletter di Axélero S.p.A. come specificato nel paragrafo 2b
Voglio ricevere le newsletter di società terze come specificato nel paragrafo 2c

PROGRAMMAZIONE ECONOMICO-FINANZIARIA 2007/2013: VOCI CORRELATE

Umbria: Programma operativo regionale - POR 2007-2013 - Fondo FSE

di del 16/02/2011

La strategia dell'Umbria per la programmazione 2007-2013 si sviluppa in coerenza con gli obiettivi d..

Trento: Programma operativo 2007-2013 - Fondo FSE

di del 15/02/2011

L’intervento del FSE nel territorio trentino per il periodo di programmazione 2007-2013, in linea c..

Basilicata: Programma operativo regionale 2007-2013 - Fondo FSE

di del 16/02/2011

La strategia di intervento del FSE della Regione Basilicata si iscrive all’interno di una Programmaz..

Valle d'Aosta: Piano operativo regionale 2007-2013 - Fondo FSE

di del 15/02/2011

Il Programma operativo regionale per la valle d'Aosta  per il periodo 2007-2013 rientra nell'ambito ..

Puglia: Programma operativo regionale 2007-2013 - Fondo FSE

di del 27/05/2011

La strategia della Puglia per la programmazione 2007/2013 relativa al FSE assume come centrali le in..