Il Professionista su misura per te
o richiedi una
Chiedi una Consulenza o Preventivo Gratuito

Rifiuto

del 31/03/2011
CHE COS'È?

Rifiuto: definizione

Qualsiasi sostanza od oggetto di cui il detentore si disfi o abbia deciso o abbia l’obbligo di disfarsi è da considerarsi rifiuto ai sensi dell’articolo 183 comma 1 lettera a) decreto legislativo n.152/2006, più conosciuto come codice dell’ambiente. La qualifica, quindi, ha natura strettamente soggettiva ed è conseguenza di precisa ed univoca volontà del produttore-detentore.
E’ questa la definizione che ritroviamo nella direttiva 2006/12/CE,direttiva quadro in materia di rifiuti, che sarà abrogata dalla nuova direttiva quadro 2008/98/CE , in corso di recepimento nel nostro Paese, con effetto dal 12 dicembre 2010 e che a sua volta era andata a sostituire la direttiva 75/442/CEE e i suoi allegati.

L’allegato 1 alla direttiva 2006/12/CEE elenca le categorie di rifiuti fatte proprie dal codice dell’ambiente, ma la Corte di Giustizia della Comunità Europea, II° sez, con la sentenza 11/11/2004 resa nella causa C-457/02 è intervenuta per chiarire la definizione di rifiuto, rilevando come essa non possa limitarsi alle sostanze e ai materiali elencati negli allegati 2A e 2B della direttiva 75/442/CEE o in elenchi equivalenti. Ha asserito, dunque, la Corte nella citata decisione che l’ambito di applicazione della nozione di rifiuto dipende dal significato del verbo “disfarsi” che alla luce del terzo “considerando” della direttiva è la tutela della salute umana e dell’ambiente contro gli effetti nocivi della raccolta, del trasporto, del trattamento e del deposito dei rifiuti, con la conseguenza dell’elevato livello di tutela basato sui principi della precauzione e dell’azione preventiva.

Avv. Giovanna Lanfredini
Ordine degli Avvocati di Firenze
Studio Legale Lanfredini


COME SI FA

Il rifiuto conferito dai cittadini è raccolto attualmente dai Comuni di solito consorziati da aziende del settore. Il rifiuto prodotto dalle aziende viene, invece, avviato da queste ultime alle discariche autorizzate per lo smaltimento.


CHI

L'Avvocato fornisce consulenza preventiva sia civilistica che penalistica al fine di individuare il "rifiuto"; assiste il Cliente per la redazione dei contratti per lo smaltimento dei rifiuti e fornisce assistenza giudiziaria in tutti i vari aspetti della materia, tra i quali in particolare le opposizioni alle sanzioni amministrative, i ricorsi avverso le sanzioni tributarie, l'assistenza civilistica in genere e la difesa nei processi penali.


vota  

Inserendo i miei dati accetto le Condizioni d'uso e il trattamento dati
Voglio ricevere le newsletter di Axélero S.p.A. come specificato nel paragrafo 2b
Voglio ricevere le newsletter di società terze come specificato nel paragrafo 2c

RIFIUTI: VOCI CORRELATE

Sistema tracciabilità rifiuti - SISTRI

di Giuseppe Toscano del 04/02/2011

Con la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale, nel Supplemento ordinario del 13 gennaio 2010, del Decre..

SISTRI: interoperabilità software - SIS

di Giuseppe Toscano del 04/02/2011

Interoperabilità è la capacità di un sistema o di un prodotto informatico di cooperare e di scambiar..

Bonifica di sito contaminato

di Avv. Giovanna Lanfredini del 31/03/2011

Il Titolo V del Codice dell’Ambiente (D.L.vo n.152/2006) disciplina la bonifica dei siti conta..