Il Professionista su misura per te
o richiedi una
Chiedi una Consulenza o Preventivo Gratuito

Antitrust

del 21/02/2012
CHE COS'È?

Antitrust: definizione

Con il termine antitrust si individua un apposito ordinamento giuridico composto da un sistema unitario di norme poste a presidio del diritto di concorrenza, per analogia si identifica “antitrust” l’organo che vigila sull’osservanza di tali norme.

Obiettivi
Si pone l'obiettivo di tutelare i consumatori da eventuali tentativi da parte di organizzazioni industriali e non solo, definite Trust, di controllare il mercato attraverso accordi economici volti a uniformare il tipo di offerta proposta, e creare un cosiddetto “cartello” che mortifica la libera competizione, impedendo l'accesso a nuovi soggetti economici, e costringendo i consumatori a subire le condizioni dell'offerta imposta.
Questo ordinamento giuridico si propone due finalità di carattere liberista: quello di limitare l'intervento dirigista dello Stato nel sistema economico e quello di impedire che le imprese private possano assumere posizioni di predominio incontrastato a danno del consumatore finale, considerato anello debole della filiera.
In realtà un terzo effetto la disciplina antitrust lo produce in forma generale, contribuendo attraverso la tutela del libero mercato, ad affinare le tecniche produttive, il livello qualitativo dei prodotti o servizi e a favorire l'innovazione tecnologica aziendale.

Nascita e diffusione in Europa della disciplina antitrust
Nasce negli USA nel 1890 su ispirazione del senatore statunitense John Sherman al fine di regolamentare gli scambi commerciali e l'organizzazione economica tra gli Stati membri dell'Unione. Successivamente però, in concomitanza con lo sviluppo dell'economia su larga scala, si diffonde anche in Europa, contestualmente alla nascita della CEE con l'intento di costituire un mercato comune caratterizzato dai seguenti obiettivi:
  • favorire il libero scambio e la libera produzione tra i Paesi aderenti;
  • contribuire a realizzare una politica commerciale comune che sopprima le restrizioni agli scambi internazionali, in una successiva ottica di un'unificazione più ampia dell'Europa.
La firma del trattato di Roma del 1957 conduce al successivo obiettivo di formare un mercato comune europeo e di un sistema doganale cooperativo e di politiche economiche comuni che non possono trascendere dai principi del libero mercato e di tutela di esso.
Oggi il ruolo di Garante antitrust è stato attribuito alla Commissione Europea nella persona del Commissario alla concorrenza.

E nel nostro Paese?
In Italia tale disciplina si è diffusa con un certo ritardo, giungendo il legislatore solo nel 1990 a predisporre un apposito ordinamento giuridico contenuto nella legge n. 287 del 10 ottobre 1990 e predisponendone un'autorità indipendente a presiederne: l'Autorità del Garante per la concorrenza e il mercato.
Il compito di questo organo consiste nello svolgimento di tre ordini di intervento:
  • svolgere compiti di monitoraggio e vigilanza;
  • intraprendere procedimenti;
  • comminare sanzioni amministrative nei confronti dei soggetti violatori delle norme.
I compiti di cui sopra si esplicitano nel mettere in atto azioni volte all’evitare il divenire delle seguenti fattispecie:
  1. fissare prezzi d’acquisto e di vendita, e anche quelli delle transazioni intermedie;
  2. limitare e/o controllare la produzione, i suoi sbocci e gli investimenti connessi;
  3. suddivisione dei mercati;
  4. applicare nei rapporti commerciali condizioni dissimili per prestazioni analoghe;
  5. subordinare la conclusione del contratto all’effettuazioni di prestazioni che nulla hanno a che vedere con la prestazione principale.
Per concludere è bene precisare che, con l’introduzione delle norma antitrust, il Parlamento Italiano ha voluto enfatizzare quanto dettato dall’articolo 41 della Costituzione relativamente a quanto dallo stesso auspicato a tutela e garanzia del diritto di iniziativa economica e di libero mercato.

FAQ

Quali sono gli effettivi vantaggi per il consumatore finali con l’introduzione delle norme antitrust?

I benefici ottenibili li possiamo così individuare: a) controllo dei prezzi con tendenza al ribasso degli stessi;b) una maggior diversità di prodotto immessi sul mercato;c) maggiore attenzione da parte dei produttori nel rispetto delle necessità del consumatore finale.

Esistono sanzioni comminate dall'authority verso le imprese che non rispettano le norme in materia antitrust?

Negli Stati Uniti il mancato rispetto delle norme che regolano il corretto funzionamento del mercato è un reato penale, in Europa, e quindi anche in Italia, è di natura amministrativa. L’authority, quindi, espletate le sue funzioni ispettive può comminare una sanzione calcolata in rapporto al fatturato del trasgressore.

Esistono deroghe alle norme dettate dall’Antitrust?

Esistono solo nei casi di pubblica utilità in quanto vi sono beni e/o servizi che, per la loro importanza, non possono essere sottoposti alle leggi di mercato, volte alla ricerca del massimo profitto, ma al sostegno delle frange più deboli della popolazioni.
vota  

Inserendo i miei dati accetto le Condizioni d'uso e il trattamento dati
Voglio ricevere le newsletter di Axélero S.p.A. come specificato nel paragrafo 2b
Voglio ricevere le newsletter di società terze come specificato nel paragrafo 2c

UFFICI: VOCI CORRELATE

Agenzia Entrate

di del 22/02/2016

L'Agenzia delle Entrate è l'agenzia pubblica che nel nostro Paese si occupa delle funzioni che rigua..

Camera di commercio

di Rag. Leone Mario Giudici del 27/10/2011

La Camera di Commercio è un "ente autonomo di diritto pubblico che svolge, nell'ambito della circosc..