Il Professionista su misura per te
o richiedi una
Chiedi una Consulenza o Preventivo Gratuito

Camera di commercio

del 27/10/2011
CHE COS'È?

Camera di commercio: definizione

La Camera di Commercio è un "ente autonomo di diritto pubblico che svolge, nell'ambito della circoscrizione territoriale di competenza, funzioni di interesse generale per il sistema delle imprese curandone lo sviluppo nell'ambito delle economie locali" (articolo 1 legge 580/93, legge di riordino delle Camere di Commercio).
Da un punto di vista giuridico la Camera di Commercio si configura come ente:

  • pubblico: in quanto opera in forza di un'autorità o "potestas publica" (oltreché, ovviamente, con i normali strumenti del diritto privato);
  • autonomo: la sua autonomia, prevista per legge, è di tipo statutario e regolamentare, finanziario, amministrativo;
  • autarchico: emana atti amministrativi che hanno la stessa efficacia di quelli emessi dallo Stato;
  • locale: in quanto opera nell'ambito di una circoscrizione di competenza, di regola coincidente con la provincia;
  • non territoriale: l'autorità dell'ente non si estende a tutti i soggetti di un determinato territorio, come nel caso invece delle Regioni, Province e Comuni;
  • necessario: la loro istituzione è prevista da una fonte normativa primaria;
  • non economico: il perseguimento di finalità di lucro non rientra fra i compiti della Camera di Commercio, la quale può esercitare attività economiche soltanto in misura marginale ed in modo funzionale al perseguimento degli obiettivi istituzionali;
  • istituzione: realizza una rappresentanza generale di interessi, di contro alle associazioni che perseguono l'interesse particolare degli associati.

Rag. Leone Mario Giudici
Ordine dei Dottori Commercialisti ed Esperti Contabili di Monza Brianza
Studio Giudici - Rag. Leone Mario Commercialista Revisore Contabile

COME SI FA
Ogni Camera di Commercio è dotata dei seguenti organi, rappresentativi del sistema imprenditoriale e del lavoro nella sua interezza:
  • un Consiglio: composto da 20 a 30 consiglieri in rappresentanza di tutti i settori dell'economia provinciale, cui vanno aggiunti 2 rappresentanti dei lavoratori e dei consumatori; si ritiene che i consiglieri operino senza vincolo di mandato nei confronti delle associazioni designatarie. Al Consiglio spettano i poteri generali di indirizzo politico-amministrativo dell'ente;
  • una Giunta: organo esecutivo dell'ente, composta da un numero di membri variabile da 5 a 11; spetta alla Giunta l'attuazione delle linee programmatiche fissate dal Consiglio, attraverso una attività progettuale, propositiva e realizzativa;
  • un Presidente: eletto dal Consiglio, cui spetta la legale rappresentanza dell'ente, oltre al compito di convocare e presiedere Giunta e Consiglio.
I tre organi sopra descritti hanno una durata di cinque anni. 
Ad essi va aggiunto un organo di controllo e di verifica della corretta gestione economico finanziaria e della regolarità contabile: è il Collegio dei revisori dei conti, formato da tre membri effettivi e da due membri supplenti.
Gli organi rappresentativi degli interessi generali del sistema delle imprese realizzano concretamente l'attività programmata per il tramite di una struttura amministrativa, formata da dipendenti pubblici, al cui vertice è posto un Segretario generale, organo tecnico di collegamento tra i rappresentanti politici e l'apparato amministrativo.
L'azione amministrativa, nell'ambito delle linee guida formulate da Consiglio e Giunta, è ispirata a criteri di efficienza, efficacia ed economicità della gestione. 
Attualmente le Camere di Commercio sono 103, una per ciascuna provincia italiana.
Le Camere di Commercio sono sottoposte alla vigilanza del Ministero delle Attività Produttive, vigilanza che si esplica nella forma del controllo su alcuni atti amministrativi fondamentali e attraverso una rendicontazione annuale circa l'attività delle Camere di Commercio e delle loro Aziende speciali.

Le funzioni della Camera di Commercio possono distinguersi in tre principali categorie:

  1. funzioni amministrative: attribuite per legge o delegate dallo Stato o dalle Regioni; rientrano in tale ambito tutte le attività concernenti la tenuta di registri, elenchi, albi e ruoli, gli adempimenti burocratici connessi, nonché la gestione di un completo e affidabile sistema di informazione commerciale;
  2. funzioni promozionali: per iniziative di diverso tipo volte a sostenere l'economia della provincia ed il sistema delle imprese; si ricomprendono in questa categoria i bandi per contributi alle imprese, le partecipazioni a società, consorzi, associazioni, eccetera, le attività svolte a mezzo di aziende speciali costituite per svolgere servizi ad elevata competenza specialistica attraverso strutture snelle e flessibili;
  3. funzioni di regolazione del mercato: quali l'istituzione di camere arbitrali, sportelli di conciliazione, la promozione di contratti tipo per categorie omogenee di attività, la partecipazione a conferenze di servizi, la vigilanza per la repressione delle azioni di concorrenza sleale, la costituzione di parte civile nei processi per reati contro l'economia.

vota  

Inserendo i miei dati accetto le Condizioni d'uso e il trattamento dati
Voglio ricevere le newsletter di Axélero S.p.A. come specificato nel paragrafo 2b
Voglio ricevere le newsletter di società terze come specificato nel paragrafo 2c

UFFICI: VOCI CORRELATE

Antitrust

di Dott. Stefano Martini del 21/02/2012

Con il termine antitrust si individua un apposito ordinamento giuridico composto da un sistema unita..

Agenzia Entrate

di del 22/02/2016

L'Agenzia delle Entrate è l'agenzia pubblica che nel nostro Paese si occupa delle funzioni che rigua..