Consulenza o Preventivo Gratuito

Tassa Airbnb: cedolare secca dal 1 giugno 2017

del 27/04/2017
di: Redazione
Tassa Airbnb: cedolare secca dal 1 giugno 2017

Dal 1 giugno 2017 scatta la cosiddetta tassa Airbnb, la cedolare secca per le locazioni brevi fino a 30 giorni. L’intermediario tra proprietario e affittuario – sia esso un’agenzia immobiliare o un sito di booking come, appunto, Airbnb – sarà tenuto a versare all’erario le tasse trattenute da chi affitta e a comunicare all’Agenzia delle Entrate i dati dei contratti d’affitto stipulati. Pena, una multa fino a 2.000 euro. Il proprietario della locazione avrà sempre la possibilità di scegliere tra imposta sostitutiva del 21% e Irpef ordinario e, in tal caso, la ritenuta del 21% sarà a titolo di acconto.

La tassa Airbnb arriva dopo aver vagliato numerose modalità per arginare l’evasione fiscale in agguato con l’affitto breve di una stanza o di un’intera casa. Critica la posizione di Matteo Stifanelli, country manager in Italia di Airbnb: “Crediamo di poter avere un ruolo nella raccolta delle tasse, anche per semplificare la vita dei nostri host. – ha detto a Repubblica - Ma la prima condizione è un confronto su modi e tempi: non si può pretendere di avviare in pochi giorni la raccolta delle imposte su 200mila posizioni fiscali, il numero dei nostri ospiti, senza neppure consultarci”.
vota  
SULLO STESSO ARGOMENTO
Cassette sicurezza facilitate senza imposta di registro

del 25/01/2013

Apertura cassette di sicurezza del de cuius senza imposta di registro. Per il verbale che il notaio...

L'elaborazione dei dati fiscali non è attività riservata

del 26/01/2013

L'attività di elaborazione dati ai fini fiscali non è attività riservata. Pertanto, può essere svolt...

Niente esenzione: anche l'esercito può pagare l'Ici

del 30/01/2013

Il ministero della difesa paga l'Ici sugli immobili se non sono più utilizzati per finalità istituzi...