Consulenza o Preventivo Gratuito

Addio agli studi di settore, in arrivo indicatori di compliance

del 09/09/2016
di: Redazione
Addio agli studi di settore, in arrivo indicatori di compliance

Il Ministero dell’Economia e finanza ha annunciato un addio graduale agli studi di settore.

Presto gli studi di settore potrebbero essere sostituiti dagli indicatori di compliance, un nuovo sistema per individuare i ricavi dichiarati e sempre integrabili in dichiarazione.

Il passaggio dagli studi di settore al nuovo strumento sarà graduale. Consisterà in una scala di valutazione che, da uno a dieci, misurerà il grado di affidabilità del contribuente: a coloro che avranno il punteggio maggiore sarà riservato l’accesso a un sistema premiale che, tra l’altro, comprende un percorso accelerato per i rimborsi fiscali, una riduzione del periodo di accertabilità e l’esclusione da alcuni tipi di accertamento.

L’indicatore di compliance che sostituirà gli studi di settore si baserà sull’attività economica prevalente e sulla previsione della relativa specificità. Per consentire ciò, ci si servirà di una metodologia statistico-economica che prenderà in considerazione molteplici elementi tra cui gli indicatori di normalità economica, il valore aggiunto e il reddito d’impresa.

Ogni contribuente riceverà i dettagli della propria condizione direttamente dall’Agenzia delle Entrate e, nelle intenzioni del Ministero dell’Economia e finanza, l’abolizione degli studi di settore a vantaggio del nuovo strumento incrementerà l’adempimento spontaneo al fine di migliorare la propria affidabilità agli occhi del fisco.

vota  
SULLO STESSO ARGOMENTO
Da febbraio anche i senz'albo trovano una casa

del 24/01/2013

Riforma dei senz'albo in dirittura d'arrivo in Gazzetta Ufficiale. La legge approvata il 19 dicembre...

In agenda politica scompaiono i professionisti

del 24/01/2013

In Italia c'è un settore economico che, nonostante la crisi e la burocrazia, continua a dare segnali...

Richieste di scioglimento: ordini professionali litigiosi

del 25/01/2013

Ordini professionali sempre più litigiosi. Nel 2012 le polemiche sulle elezioni non hanno riguardato...