Consulenza o Preventivo Gratuito

Anatocismo: nuove direttive per le banche da giugno 2016

del 15/06/2016
di: Redazione
Anatocismo: nuove direttive per le banche da giugno 2016

 

La sentenza 10713 del 24 maggio scorso della Cassazione sancisce che l’inibitoria alla banca di non applicare anatocismo include anche l’obbligo di restituire le somme ai clienti. Gli ermellini si sono così pronunciati in merito al ricorso di un istituto di credito che pretendeva di non pagare nulla ai clienti cui era stato riconosciuto che avessero subito anatocismo. La banca aveva sfruttato una piega della legge, sostenendo che una pronuncia di questo tipo non implichi una restituzione delle somme.

 

La class action condotta contro l’istituto di credito ha però dato ragione in toto ai correntisti. L’associazione dei consumatori ha sostenuto che l’inibizione di una condotta significa necessariamente interrompere il comportamento illegittimo. L’inibitoria, infatti, è uno strumento giuridico che consente di adottare anche misure atipiche, ovvero non codificate dalla legge ma tagliate su misura per la maggiore tutela possibile del consumatore. Nello specifico, quindi, le banche devono ricalcolare gli interessi, stornando l’anatocismo, e restituire la cifra in eccesso ai correntisti danneggiati.

vota  
SULLO STESSO ARGOMENTO
Alla firma la Convenzione Cdp-Abi-Mise

del 14/02/2014

Dovrebbe esser siglata oggi la convenzione tra Abi, Cassa Depositi e Prestiti e Ministero dello Svil...

Banca antifrode finanziata dagli intermediari

del 04/09/2014

Dal prossimo anno gli intermediari finanziari si dovranno iscrivere alla banca dati antifrode del Mi...

Dl Investment Compact, i contenuti

del 23/01/2015

Il Consiglio dei Ministri che si è svolto mercoledì scorso ha visto alcune misure approvate dal gove...