Consulenza o Preventivo Gratuito

Nuovo codice appalti cozza con lo Statuto del lavoro autonomo

del 24/05/2016
di: Redazione
Nuovo codice appalti cozza con lo Statuto del lavoro autonomo

Confprofessioni chiede una revisione del nuovo codice appalti affinché tenga conto dell’orientamento espresso nel ddl lavoro autonomo, in modo che sia contemplata espressamente la figura del lavoratore autonomo. L’articolo 7 del ddl 2233, infatti, noto anche come Statuto del lavoro autonomo è stato scritto appositamente per favorire l’accesso agli appalti a tutti i professionisti autonomi (dove per lavoratore autonomo si intende l’accezione data al titolo III, libro V, del codice civile).

 

Nel comma 1 dell’articolo 7 si legge che “le amministrazioni pubbliche promuovono, in qualità di stazioni appaltanti, la partecipazione dei lavoratori autonomi agli appalti pubblici, in particolare favorendo il loro accesso alle informazioni relative alle gare pubbliche”. Ma nel nuovo codice appalti, approvato lo scorso 15 aprile dal consiglio dei ministri, si fa riferimento a piccole o micro imprese, ma non ai professionisti autonomi e freelance. Per questo motivo, Confprofessioni, per tutelare la natura del lavoro autonomo e le norme ad esso associate, ha chiesto che si tenga conto dell’orientamento espresso dal ddl 2233.

vota  
SULLO STESSO ARGOMENTO
Da febbraio anche i senz'albo trovano una casa

del 24/01/2013

Riforma dei senz'albo in dirittura d'arrivo in Gazzetta Ufficiale. La legge approvata il 19 dicembre...

In agenda politica scompaiono i professionisti

del 24/01/2013

In Italia c'è un settore economico che, nonostante la crisi e la burocrazia, continua a dare segnali...

Richieste di scioglimento: ordini professionali litigiosi

del 25/01/2013

Ordini professionali sempre più litigiosi. Nel 2012 le polemiche sulle elezioni non hanno riguardato...