Consulenza o Preventivo Gratuito

Rivoluzione per il catasto: conteranno i metri quadri

del 17/11/2015
di: La redazione
Rivoluzione per il catasto: conteranno i metri quadri

57 milioni di immobili sono coinvolti dalla grande novità, annunciata nei giorni scorsi dall’Agenzia delle Entrate, per il calcolo delle superfici catastali: non conteranno più i vani, ma i metri quadri. Una piccola rivoluzione che coinvolgerà abitazioni, ville, uffici, ospedali, scuole, box, magazzini e cantine e che non sarà più oggetto di discussione relativamente alla Tari (la tassa sui rifiuti).

 

Gli immobili complessivi in Italia sono circa 61 milioni, quindi la quasi totalità di essi sarà coinvolta da questa novità introdotta dall’Agenzia delle Entrate. Il primo effetto tangibile sarà sulla tassa dei rifiuti, mentre per il momento il calcolo degli altri contributi immobiliari continuerà a essere realizzato attraverso le rendite catastali in vigore, che si basano sul numero di vani.

 

Queste novità sono il primo passo verso la tanto attesa riforma del catasto, che potrà essere ultimata solo quando l’Agenzia delle Entrate sarà in possesso delle planimetrie di tutti gli immobili in Italia. Un lavoro enorme che però sta procedendo: all’appello mancano ancora 4 milioni di immobili, che sono oggetto di revisione per irregolarità o incongruenze. All’atto pratico, per gli utenti cambia poco: la visura catastale avrà sempre le stesse voci, cui se ne aggiungeranno altre due. La prima è la superficie catastale, la seconda quella ai fini della Tari. Due grandezze diverse, visto che la prima è la cosiddetta “superficie commerciale”, mentre la seconda è una misura netta.

vota  
SULLO STESSO ARGOMENTO
Catasto-lumaca, l'Agenzia del Territorio non paga

del 24/01/2013

L'Agenzia del territorio non deve risarcire il contribuente per aver attribuito con ritardo la rendi...

Dichiarazioni successorie senza estratti catastali

del 14/02/2013

Dichiarazioni di successione più leggere: i contribuenti non devono più allegare gli estratti catast...

Aggiornamento immobili fantasma all'appello

del 15/03/2013

Scade il 2 aprile il termine per la presentazione da parte dei contribuenti degli atti di aggiorname...