Consulenza o Preventivo Gratuito

Bail-in per il salvataggio delle banche

del 09/07/2015
di: la redazione
Bail-in per il salvataggio delle banche
Il bail-in dice il quotidiano ItaliaOggi è una fonte di finanziamento della risoluzione bancaria che si applica nel caso di dissesto bancario. Riporta il quotidiano che la Commissione Europea ha affermato: “un prelievo forzoso come nel 1992 del 6% su tutti i conti correnti è da escludersi...le leggi non possono essere in contrasto con le direttive europee...se lo fossero il cittadino potrebbe rivolgersi al giudice nazionale per segnalare la violazione della norma Ue”. Non tutti i soggetti sono soggetti al bail-in ma solo i cittadini che hanno aperto un conto corrente presso l’istituto finanziario di riferimento e che hanno giacenze finanziarie oltre la soglia di garanzia dei 100 mila euro. Riporta ancora il quotidiano che oltre i depositi protetti sotto i 100 mila euro non saranno svalutati e non saranno convertiti in capitale le passività garantite compresi i covered bonds, le cassette di sicurezza e i titoli detenuti in un conto apposito, la passività interbancarie e derivanti da partecipazioni a sistemi di pagamenti di durata originale e residua inferiore a sette giorni, i debiti commerciali, quelli verso i dipendenti e quelli fiscali privilegiati dalla norma fiscale.
vota  
SULLO STESSO ARGOMENTO
Alla firma la Convenzione Cdp-Abi-Mise

del 14/02/2014

Dovrebbe esser siglata oggi la convenzione tra Abi, Cassa Depositi e Prestiti e Ministero dello Svil...

Banca antifrode finanziata dagli intermediari

del 04/09/2014

Dal prossimo anno gli intermediari finanziari si dovranno iscrivere alla banca dati antifrode del Mi...

Dl Investment Compact, i contenuti

del 23/01/2015

Il Consiglio dei Ministri che si è svolto mercoledì scorso ha visto alcune misure approvate dal gove...