Consulenza o Preventivo Gratuito

Separazioni e divorzi, nuove procedure

del 19/05/2015
di: la redazione
Separazioni e divorzi, nuove procedure
La circolare del ministero dell’interno 1307 del 24 aprile 2015 dispone una serie di precisazioni per legge uniformare la prassi degli uffici dello stato civile sulla procedura introdotta dalla 132/2014. Questa legge consente ai coniugi la separazione tramite l’avvocato o presso il comune. Tuttavia quando ci sono figli minori, maggiorenni incapaci o portatori di handicap grave o economicamente non autosufficienti, le separazioni ed i divorzi non possono essere fatti in comune; al contrario se i figli di cui abbiamo appena detto sono discendenti di un solo coniuge. Gli avvocati hanno tempo dieci giorni per trasmetter all’ufficiale dello stato civile copia dell’accordo di separazione o di divorzio, a decorrere dalla data di comunicazione alle parti del provvedimento – nulla osta o autorizzazione-del procuratore della Repubblica o del presidente del tribunale a cura della segreteria o della cancelleria. La convenzione di negoziazione è conclusa se le parti sono assistite ognuna da un avvocato. Invece, anche un solo avvocato può trasmettere la convenzione il quale ha assistito uno dei coniugi e autenticato la sottoscrizione. La legge, si ricorda, che vieta espressamente i patti traslativi dei diritti reali tranne l’obbligo di pagamento di un assegno periodico (assegno di mantenimento o assegno divorzile a seconda dei casi). Davanti all’ufficiale dello stato civile, in comune, si può chiedere anche la modifica delle condizioni di separazione o di divorzio precedentemente stabilite. Non è possibile un accordo per il versamento in una unica soluzione dell’assegno periodico di divorzio.
vota  
SULLO STESSO ARGOMENTO
Più spazi al coniuge superstite nella casa familiare

del 01/03/2013

Nella successione legittima spettano al coniuge superstite i diritti di abitazione sulla casa adibit...

Novità per i figli e per i genitori italiani

del 10/02/2014

Venerdi scorso, 7 febbraio 2014, è entrato in vigore il Dlgs n.154/13 in materia di filiazione. Con...

Deducibile l'assegno versato per sanare l'inadempimento

del 25/02/2014

La Corte di Cassazione, con ordinanza 4402 del 24 febbraio 2014, ha stabilito che l’assegno versato...