Consulenza o Preventivo Gratuito

Appalti pubblici, da trasmettere le varianti

del 23/09/2014
di: la Redazione
Appalti pubblici, da trasmettere le varianti
Il presidente Anac, Raffaele Cantone, in attuazione dell’articolo 37 del decreto legge 90/14 (legge 114/14) ha disposto con comunicato 2 settembre 2014 che il responsabile del procedimento di un appalto pubblico - e ciò è valido anche per i settori speciali (acqua, energia e trasporti) e gli appalti in deroga - dovrà trasmettere all’Anac la perizia di variante di un’opera, nella sua interezza senza frazionamenti. Riporta il quotidiano ItaliaOggi che il responsabile del procedimento (RUP), deve provvedere alla trasmissione integrale della perizia di variante, del progetto esecutivo, degli atti di validazione del progetto e di una relazione del R.U.P. stesso, oltre al provvedimento di approvazione della variante. Tale obbligo vige anche se il superamento del 10% del valore del contratto deriva dalla concorrenza di più tipologie di variante, purchè almeno una sia riconducibile a quelle individuate dal primo comma dell’articolo 37 legge 114. Per le altre varianti, invece, rimane fermo l’obbligo di comunicare all’Anac le varianti non contemplate dalla legge 114 (modifiche legislative, errori progettuali, e varianti migliorative del progetto entro il 5%). Le sanzioni per mancata o falsa comunicazione vanno da 25.822 a 51.545 euro.
vota  
SULLO STESSO ARGOMENTO
Le liberalizzazioni non limitano gli enti ma li valorizza

del 24/01/2013

L'obbligo per le regioni e gli enti locali di adeguare i propri ordinamenti ai principi di liberaliz...

Facilitata l'erogazione di aiuti alle aziende agricole

del 24/01/2013

Esenzione dal greening dei pagamenti diretti delle aziende di dimensioni inferiori a dieci ettari e...

Polizze agricole assicurative a largo raggio

del 25/01/2013

Via libera al piano assicurativo agricolo 2013. Ad approvarlo, ieri, la Conferenza stato-regioni, ch...