Consulenza o Preventivo Gratuito

Detrazione Iva, diritto fondamentale.

del 14/02/2014
di: la Redazione
Detrazione Iva, diritto fondamentale.
La prestazione fraudolenta che vieta ad un soggetto passivo la possibilità di detrarre l'Iva deve essere dimostrata. A nulla serve contestare che il servizio sia stato erogato da un fornitore che non disponeva di tali risorse. L'amministrazione per negare tale principio, deve fornire elementi oggettivi che provino la consapevolezza del compratore di partecipare ad una operazione dolosa riconosciuta come "evasione dell'Iva". Questo è quanto emerge dalla sentenza C-18/13 della Corte di giustizia UE, che dichiara tale operazione come diritto fondamentale del sistema dell'Iva. Chiarisce inoltre che la direttiva in merito, consente agli stati membri una certa flessibilità, imponendo laddove servisse, obblighi necessari a garantire una condotta corretta dei soggetti; a patto che tali vincoli non si vadano ad aggiungere a quelli preesistenti e non violino il principio di proporzionalità.
vota  
SULLO STESSO ARGOMENTO
Detassazione 2013: sconti fiscali alla flessibilità

del 24/01/2013

Produttività fa rima con flessibilità. Almeno ai fini dell'applicazione della detassazione per l'ann...

La pace fiscale agevolata è costata 1.453 euro

del 24/01/2013

Sono 119 mila le liti tributarie di importo fino a 20 mila euro definite dai contribuenti in modo ag...

Occhi del fisco anche sui conti correnti delle colf

del 24/01/2013

L'occhio «indiscreto» dell'amministrazione arriva anche sulle provviste dei collaboratori domestici....