Consulenza o Preventivo Gratuito

Codice penale ridotto ai minimi termini

del 04/07/2013
di: Antonio Ciccia
Codice penale ridotto ai minimi termini
Codice penale ridotto ai minimi termini. Una lenzuolata di depenalizzazioni derubrica a illeciti amministrativi i reati punti con sanzione pecuniaria, l'ingiuria, la diffamazione, la falsità in scritture private e altre ipotesi. Il disegno di legge, Palma e Caliendo, sulla riforma del sistema sanzionatorio, in commissione giustizia al senato, vuole liberare i giudici di pace e i tribunali da una serie di reati bagatellari e indica il risarcimento monetario come risposta corretta per gli illeciti depenalizzati. Nel disegno di legge trovano posto quale nuove sanzioni il lavoro di pubblica utilità, l'arresto e la detenzione domiciliari. Mentre per i fatti giudicati irrilevanti (tenui e occasionali) scatterebbe la non punibilità. Il disegno di legge (di delega al governo) prende atto del fallimento di un sistema penale ipertrofico e propone di intervenire sul sistema sanzionatorio riducendolo radicalmente. Vediamo come.

ILLECITI AMMINISTRATIVI - Diventerebbero illeciti amministrativi i reati puniti con la sola pena della multa o dell'ammenda. Fanno eccezione i reati in alcuni settori i cui sono in gioco interessi primari: edilizia e urbanistica; ambiente, territorio e paesaggio; immigrazione; alimenti e bevande; salute e sicurezza nei luoghi di lavoro; sicurezza pubblica. E anche gli atti osceni in luogo pubblico e la pubblicazione e gli spettacoli osceni, salvo che il fatto sia stato commesso nonostante il divieto dell'autorità. Per i nuovi illeciti amministrativi si propongono sanzioni pecuniarie comprese tra 300 e 15.000 euro e anche sanzioni interdittive, consistenti nella sospensione di facoltà e diritti derivanti da provvedimenti dell'amministrazione. Il disegno di legge prevede che le sanzioni saranno irrogate dall'autorità amministrativa, nei casi in cui sia stata applicata la sola sanzione pecuniaria, sarà possibile definire la procedura mediante il pagamento, anche rateizzato, di un importo ridotto pari alla metà della stessa, al fine di limitare la contestazione del provvedimento e, con essa, il contenzioso giurisdizionale.

SANZIONI CIVILI - Candidati a essere cancellati come reati anche il reato di falsità in scrittura privata, salvo il testamento o i titoli di credito, l'ingiuria e la diffamazione, anche a mezzo stampa; la sottrazione di cose comuni; l'usurpazione; la deviazione di acque, salvo che si tratti di acque destinate ad uso pubblico; il danneggiamento non aggravato; l'appropriazione di cose smarrite. Per alcuni reati depenalizzati scatterebbe la sanzione civile composta da risarcimento del danno con un'aggiunta di pena privata. Per esempio per i reati di ingiuria e diffamazione, oltre al risarcimento del danno, si propone una pena privata commisurata all'arricchimento del soggetto responsabile e che, nei casi di diffamazione a mezzo stampa, la sanzione non può essere inferiore ad euro 20.000 e, nel caso in cui il fatto determinato attribuito dallo scritto non sia vero, la sanzione non può essere inferiore ad euro 50.000.

LA PENA A CASA - Previste due nuove sanzioni detentive, e cioè la reclusione domiciliare e l'arresto domiciliare: la prima si dovrà applicare ai delitti puniti con pene non superiori a quattro anni; la seconda, alle contravvenzioni. Si propone che la reclusione domiciliare sia applicata direttamente dal giudice della cognizione, al termine del processo.

LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ - Per i reati puniti fino a 4 anni, il giudice potrà applicare il lavoro di pubblica utilità: che consiste nella prestazione, con il consenso dell'imputato, di attività non retribuita in favore della collettività da svolgere presso lo stato, le regioni, le province, i comuni o presso enti o organizzazioni di assistenza sociale e di volontariato.

vota  
SULLO STESSO ARGOMENTO
Antiriciclaggio in agguato sui mandatari politici

del 24/01/2013

Mandatari politici. Antiriciclaggio in agguato. Nessuna deroga per banche e poste alle prese con l'a...

Aggiotaggio del manager, capogruppo responsabile

del 30/01/2013

Scatta la condanna per responsabilità amministrativa dell'ente ai sensi della «231» a carico della s...

Evasore fiscale: soggetto socialmente pericoloso

del 31/01/2013

L'evasore fiscale incallito va considerato un soggetto «socialmente pericoloso». È questa la definiz...