Consulenza o Preventivo Gratuito

Antiriciclaggio in agguato sui mandatari politici

del 24/01/2013
di: Fabrizio Vedana
Antiriciclaggio in agguato sui mandatari politici
Mandatari politici. Antiriciclaggio in agguato. Nessuna deroga per banche e poste alle prese con l'applicazione delle severe norme antiriciclaggio ai conti correnti aperti dai mandatari designati dai candidati politici e attraverso i quali dovranno essere gestite le spese elettorali e raccolti i finanziamenti politici. Anzi norme ancora più rigide in quanto trattasi di rapporti aperti per conto di persone politicamente esposte alle quali il decreto antiriciclaggio e i più recenti orientamenti emersi nel corso di ispezioni associano un rischio di riciclaggio maggiore e pertanto da assoggettare a una verifica rafforzata per il completamento della quale andrà pertanto individuato anche il titolare effettivo per conto del quale il mandatario politico sta aprendo il conto corrente.

E qui nascono i problemi in quanto non è chiaro se il titolare effettivo ovvero il soggetto per conto e nell'interesse del quale il mandatario opera sia il politico locale ovvero il partito ovvero il segretario politico o amministrativo dello stesso. La lettura del decreto legislativo 231 del 2007 pare escludere che il titolare effettivo, il cui nominativo andrà anche registrato nell'archivio antiriciclaggio della banca, possa essere un'associazione come il partito. La scelta quindi si ristringe: va identificato come titolare effettivo il politico locale per il quale il mandatario opera ovvero il segretario del partito per e dal quale il politico è stato candidato? In assenza di orientamenti o chiarimenti da parte delle autorità di vigilanza la scelta pare più correttamente dover cadere sul primo in quanto a lui compete poi l'obbligo, a elezioni concluse, di trasmettere alla camera di appartenenza e al collegio regionale di garanzia elettorale le comunicazioni e il rendiconto previsto dalla legge n. 441/1982.

Banche e poste dovranno velocemente organizzare le loro procedure al fine di assicurare il corretto adempimento degli obblighi aAntiriciclaggio e garantire altresì che vengano raccolte, come richiede l'articolo 3, comma 4 della legge 515/1993, le complete generalità di coloro che effettuano versamenti sui conti correnti o postali aperti dal mandatario politico.

©Riproduzione riservata

vota  
SULLO STESSO ARGOMENTO
Aggiotaggio del manager, capogruppo responsabile

del 30/01/2013

Scatta la condanna per responsabilità amministrativa dell'ente ai sensi della «231» a carico della s...

Evasore fiscale: soggetto socialmente pericoloso

del 31/01/2013

L'evasore fiscale incallito va considerato un soggetto «socialmente pericoloso». È questa la definiz...

Il consumo in gruppo? Non è reato punibile penalmente

del 01/02/2013

Il consumo di gruppo di sostanze stupefacenti non può essere punito penalmente sia nell'ipotesi di m...