Consulenza o Preventivo Gratuito

Casse dei professionisti a dieta forzata

del 02/07/2013
di: Pagina a cura di Ignazio Marino
Casse dei professionisti a dieta forzata
Casse di previdenza dei professionisti a dieta forzata. Per il 2013 ammonta a circa 7 milioni di euro la cifra che gli enti hanno dovuto risparmiare (ovvero il 10% dei consumi intermedi) e versare allo stato entro il 30 giugno. Nel 2012 (quando c'era da tagliare il 5% delle spese) la cifra era stata di 3,5 milioni di euro. La previsione normativa che impone i risparmi forzosi è contenuta nella legge 135/2012, meglio conosciuta come Spending review, pensata per abbattere la spesa pubblica ed estesa anche al comparto degli enti pensionistici privatizzati e privati per effetto della loro inclusione nell'elenco Istat delle pubbliche amministrazioni. È l'Enpam dei medici che, anche quest'anno, ha versato la cifra più alta: 1,422 milioni di euro (contro i 711 mila euro del 2012). Seguita da Inarcassa con 870 mila euro e da Cassa Forense con 740 mila euro (si veda tabella in pagina). Resta l'Enpab dei biologi a versare la cifra più bassa: 67 mila euro. Dunque, budget tagliati per tutte quelle attività strumentali che vanno dalle consulenze legali alle spese per missioni, sia del personale dipendente sia di quello degli organi di amministrazione e controllo. Cifre ridotte anche per quanto riguarda la comunicazione istituzionale e la manutenzione degli immobili.
vota  
SULLO STESSO ARGOMENTO
Casse di previdenza: salvi i professionisti esodati

del 25/01/2013

Salvo il professionista esodato che risulti versare un minimo alla cassa di previdenza per conservar...

Per il Durc non è rilevante la posizione dei soci

del 25/01/2013

La posizione dei soci non rileva (e non deve essere oggetto di verifica) al fine del rilascio del Du...

Tirocini linee guida uniformi in tutte le regioni

del 26/01/2013

Via libera alle linee guida sui tirocini. La conferenza stato-regioni, infatti, ha predisposto le no...