Consulenza o Preventivo Gratuito

Tassa sulle barche, in arrivo esenzioni e sconti

del 18/06/2013
di: Valerio Stroppa
Tassa sulle barche, in arrivo esenzioni e sconti
Ammorbidita la tassa sulle barche: quelle di lunghezza fino a 14 metri non pagheranno più il balzello previsto dal governo Monti, che invece assoggettava a imposizione le unità da diporto superiori ai 10 metri. Non solo. Arriva un significativo sconto per le imbarcazioni con scafo fino a 20 metri, per le quali il prelievo sarà dimezzato. È quanto prevede il decreto legge approvato sabato dal governo. L'intervento rientra in una serie di misure volte al rilancio dei porti e della nautica, che comprendono pure la semplificazione e la facilitazione delle procedure per i dragaggi, la rimodulazione delle tasse portuali e il riconoscimento dell'autonomia finanziaria dei porti per la manutenzione e la sicurezza.

Il dl abolisce l'articolo 16, comma 2, lettere a) e b) del dl n. 201/2011. Ciò significa che saranno escluse dall'onere tributario sulle imbarcazioni private, rispettivamente, le unità con scafo di lunghezza da 10 a 12 metri (che finora pagavano 800 euro all'anno) e quelle comprese tra i 12 e i 14 metri (che dovevano corrispondere 1.160 euro annui). Modificate, inoltre, le misure dei prelievi di cui alle lettere c) e d), relative alle imbarcazioni di lunghezza tra 14 e 17 metri nonché a quelle tra i 17 e i 20 metri. Per le prime la tassa annuale scenderà da 1.740 a 870 euro. Per le seconde si verseranno 1.300 euro invece degli attuali 2.600.

Restano invariate, invece, le tariffe previste per barche e yacht al di sopra dei 20 metri, che vanno dai 4.400 euro (fino a 24 metri) ai 25 mila euro annui per le unità con scafi oltre i 64 metri. Inoltre, poiché l'onere fiscale va corrisposto entro il 31 maggio di ciascun anno, si apre il tema di cosa fare per chi ha già versato il dovuto per l'anno 2013, pur non essendo tenuto a farlo ai sensi delle nuove disposizioni.

Le associazioni di categoria della nautica avevano denunciato che la tassa colpiva ulteriormente un settore che già risentiva della crisi (si veda ItaliaOggi Sette del 15 ottobre 2012). Concepita inizialmente come una tassa di stazionamento, infatti, la novità ha provocato la fuga delle barche dai porti italiani (soprattutto da parte dei turisti stranieri). Esodo non del tutto recuperato attraverso la successiva trasformazione in tassa di possesso.

© Riproduzione riservata

vota  
SULLO STESSO ARGOMENTO
Cassette sicurezza facilitate senza imposta di registro

del 25/01/2013

Apertura cassette di sicurezza del de cuius senza imposta di registro. Per il verbale che il notaio...

L'elaborazione dei dati fiscali non è attività riservata

del 26/01/2013

L'attività di elaborazione dati ai fini fiscali non è attività riservata. Pertanto, può essere svolt...

Niente esenzione: anche l'esercito può pagare l'Ici

del 30/01/2013

Il ministero della difesa paga l'Ici sugli immobili se non sono più utilizzati per finalità istituzi...