Consulenza o Preventivo Gratuito

Sanzioni, conciliare subito porta sconti

del 06/06/2013
di: di Stefano Manzelli
Sanzioni, conciliare subito porta sconti
Chi accetta la multa e si affretta a pagarla potrà risparmiare un quinto della cifra prevista dal codice stradale. Novità in arrivo anche per agevolare il pagamento dei verbali, la notifica via pec e la tanto decantata ripartizione dei proventi autovelox. Sono gli argomenti di maggior interesse contenuti nel ddl 997, esaminato ieri in sede referente dalla commissione trasporti della camera. Dopo il fermo forzato della riforma stradale messa in cantiere nella precedente legislatura, arriva un ddl che riprende integralmente le modifiche dedicate all'art. 202 del cds. Il provvedimento intende riproporre la previsione dello sconto del 20% sulla sanzione stradale qualora questa venga pagata subito all'agente accertatore, anche mediante strumenti di pagamento elettronico, o comunque entro cinque giorni dalla data della contestazione o notificazione. In sostanza si riapre la possibilità di effettuare il tradizionale pagamento immediato in strada alla polizia con lo sconto, nel caso in cui la pattuglia sia munita di pos e comunque di sistemi di pagamento elettronici, previa annotazione nella multa dell'avvenuto pagamento. Diversamente l'interessato potrà procedere al pagamento tradizionale o elettronico differito beneficiando dello stesso sconto in caso di transazione celere, entro 5 giorni dalla data dell'accertamento o dalla notifica del verbale. Altra novità è la previsione di un decreto con il quale dovranno essere stabilite le procedure per la notificazione delle multe stradali tramite pec nei confronti dei trasgressori abilitati, senza addebito delle spese di notificazione. In pratica per i conducenti idonei si tratterà di un risparmio considerevole nelle spese del procedimento sanzionatorio. Una multa spedita con la pec non potrà infatti costare come un verbale tradizionale spedito per posta con raccomandata speciale. Al giro di boa, infine, la questione della ripartizione dei proventi autovelox. Senza il necessario decreto attuativo questa riforma è ancora impraticabile e la commissione ha preso atto della necessità di intervenire al più presto.
vota  
SULLO STESSO ARGOMENTO
Tir, serve il doppio esame per gli autisti indisciplinati

del 26/01/2013

L'autotrasportatore che subisce la decurtazione totale del punteggio disponibile sulla carta di qual...

Impugnazione multe: l'appello con rito ordinario

del 07/02/2013

Rito ordinario per l'appello contro le sentenze del giudice di pace sulle multe. L'impugnazione si p...

Impugnazione multe: l'appello con rito ordinario

del 07/02/2013

Rito ordinario per l'appello contro le sentenze del giudice di pace sulle multe. L'impugnazione si p...