Consulenza o Preventivo Gratuito

Certificazione energetica, gli obblighi che scattano

del 05/06/2013
di: La Redazione
Certificazione energetica, gli obblighi che scattano
Durante le trattative (di compravendita o di locazione) venditori e locatori dovranno «rendere disponibile» al potenziale acquirente o al nuovo conduttore l'attestato di prestazione energetica (che ha validità temporale massima di 10 anni, a partire dal suo rilascio).

In caso di vendita, l'attestato dovrà essere consegnato all'acquirente.

In caso di locazione, l'attestato dovrà essere consegnato al conduttore.

In caso di vendita o locazione di un edificio prima della sua costruzione, il venditore o il conduttore dovrà fornire «evidenza» della futura prestazione energetica dell'edificio e produrre l'attestato di prestazione energetica congiuntamente alla dichiarazione di fine lavori.

Nei contratti di vendita o nei nuovi contratti di locazione dovrà essere inserita apposita clausola con la quale l'acquirente o il conduttore danno atto di aver ricevuto le informazioni e la documentazione, comprensiva dell'attestato, in ordine alla attestazione della prestazione energetica degli edifici.

Nel caso di offerta di vendita o di locazione, i relativi annunci tramite tutti i mezzi di comunicazione commerciali dovranno riportare l'indice di prestazione energetica dell'involucro edilizio e globale dell'edificio o dell'unità immobiliare e la classe energetica corrispondente.

In caso di vendita, il proprietario che viola l'obbligo di dotazione dell'attestato di prestazione energetica è punito con una sanzione amministrativa non inferiore a 3 mila euro e non superiore a 18 mila euro.

In caso di nuovo contratto di locazione, il proprietario che viola l'obbligo di dotazione dell'attestato di prestazione energetica è punito con una sanzione amministrativa non inferiore a 300 euro e non superiore a 1.800 euro.

In caso di violazione dell'obbligo di riportare i parametri energetici nell'annuncio di offerta di vendita o locazione, «il responsabile dell'annuncio» è punito con una sanzione amministrativa non inferiore a 500 euro e non superiore a 3 mila euro.

Documento redatto sulla base del testo di decreto-legge come entrato in consiglio dei ministri.

Fonte: Confedilizia-Ufficio Studi

vota  
SULLO STESSO ARGOMENTO
Casse edili, riforma urgente per migliorare le condizioni

del 23/01/2013

Riformare il sistema delle casse edili per migliorare le condizioni salariali dei lavoratori e favor...

Certificati bianchi da fatturare per il periodo 2008-2011

del 25/01/2013

Il Gse informa che è possibile procedere alla fatturazione per il pagamento dei certificati bianchi...

Casa, requisiti per uno ma benefici fiscali per due

del 07/02/2013

In caso di comunione legale dei beni, i benefici fiscali connessi con l'acquisto della prima casa sp...