Consulenza o Preventivo Gratuito

Bookmakers le Dogane all'incasso

del 28/05/2013
di: di Nicola Tani
Bookmakers le Dogane all'incasso
L'Agenzia delle dogane passa all'incasso sulle somme evase dai centri trasmissione dati collegati a bookmakers esteri senza concessione. I passaggi chiave nella circolare (n. 2013/17904) diffusa agli uffici dei Monopoli, che avranno l'incarico di procedere agli accertamenti con adesione ai danni dei gestori delle agenzie. Un passo necessario per compensare il deludente esito degli accertamenti effettuati negli ultimi due anni, dall'entrata in vigore della legge di stabilità 2011 (n. 220/2010), che hanno portato nelle casse erariali 7 milioni di euro tra imposte e sanzioni, riporta Agipro, contro gli 88 milioni annui previsti dalla relazione tecnica che accompagnava la norma. Non si tratta, in ogni caso, di un condono e quindi non si deve assumere «alcun atteggiamento di ingiustificato favore nei confronti di tali soggetti» né puntare ad una «transazione». La normativa in vigore, sottolinea il Direttore per i giochi, Roberto Fanelli, non consente di individuare – in via generalizzata – «percorsi» di adesione o soglie di abbattimento per basi imponibili e aliquote. I precedenti recenti sono in questo senso deludenti: molti gestori di centri esteri – sottolinea la circolare – si sono limitati a confermare la correttezza del proprio operato, adducendo «non meglio precisate» intenzioni di concludere percorsi di accertamento a livello centrale. In questo caso, non sussistono elementi utili per giustificare una riduzione della pretesa tributaria. In tutti gli altri casi, l'obiettivo degli uffici deve essere quello di ricostruire il reale volume di raccolta e quindi la reale capacità contributiva del soggetto passivo, utilizzando i «report» prodotti dal contribuente e la media provinciale di raccolta delle agenzie concessionarie. La circolare suggerisce anche l'utilizzo del dato della raccolta «mediana» per la provincia, quella realizzata cioè dal ricevitore autorizzato che si trova a metà della classifica provinciale degli incassi. Un'altra chance di riduzione dell'importo dell'accertamento, per i gestori, è prevista infine con il ricalcolo delle somme dovute per le due tipologie d'imposta previste: il 2% per le scommesse fino a 7 eventi, il 5% per quelle superiori a tale limite.
vota  
SULLO STESSO ARGOMENTO
Cassette sicurezza facilitate senza imposta di registro

del 25/01/2013

Apertura cassette di sicurezza del de cuius senza imposta di registro. Per il verbale che il notaio...

L'elaborazione dei dati fiscali non è attività riservata

del 26/01/2013

L'attività di elaborazione dati ai fini fiscali non è attività riservata. Pertanto, può essere svolt...

Niente esenzione: anche l'esercito può pagare l'Ici

del 30/01/2013

Il ministero della difesa paga l'Ici sugli immobili se non sono più utilizzati per finalità istituzi...