Consulenza o Preventivo Gratuito

Lotta all'evasione: segnalazioni con premio

del 22/05/2013
di: di Cristina Bartelli
Lotta all'evasione: segnalazioni con premio
Un compenso per le segnalazioni qualificate nella lotta all'evasione comunale. Il comune di Milano riconoscerà a una task force, costituita insieme con Equitalia e la società Engineering Tributi, una lauta percentuale pari a 10 milioni di euro circa per recuperare e riportare nelle casse del comune, nel triennio 2013-2016, gli attesi 96 milioni di euro. È questa una delle principali indicazioni che emerge dalla messa a punto, da parte del comune meneghino, della delibera sulle linee di indirizzo per l'affidamento del servizio di recupero evasione tributi locali (Ici-Imu, Tarsu-Tares) e controllo catastale per un periodo di ventiquattro mesi.

L'attività di intelligence, messa in piedi da Milano, è propedeutica a quello che poi si traduce in un eventuale riscossione coattiva che, fino a 30 giugno, ancora resta affidata a Equitalia. Nelle prossime settimane, dopo l'approvazione del bilancio preventivo, previsto per il 24 giugno, si saprà quale strada intraprenderà la giunta guidata da Giuliano Pisapia.

Al momento l'assessore al bilancio Francesca Balzani, nei giorni scorsi, ha sottolineato la necessità che proprio sull'eventuale proroga del servizio riscossione sia fatta chiarezza e siano date risposte ai comuni. Intanto il capitolo recupero multe continua a dare i suoi frutti. Nel 2012, infatti, nelle casse dell'erario sono entrate circa 99 mln di euro di irregolarità stradali riscontrate nello stesso 2012, erano stati 93 milioni nel 2011 e 92,5 nel 2010 sempre con riferimento allo stesso anno di contestazione.

Un andamento un po' più altalenante è stato quello riferito al recupero degli arretrati: nel 2012 gli introiti da multe vecchie sono stati 18 milioni, nel 2011 erano stati 28 mln mentre nel 2010 erano stati solo 9 milioni.

Il contrasto all'evasione fiscale territoriale è uno dei punti principali nelle strategie del capoluogo lombardo per ricomporre le voci del bilancio delle casse locali.

In particolare si punta a continuare l'attività di collaborazione, prevista dalla legge (l. 248/2005) tra i comuni e l'Agenzia delle entrate per la condivisione di segnalazioni qualificate per il contrasto all'evasione fiscale.

E sul tema, nei giorni scorsi è stata approvata un'altra delibera che contiene la proroga per continuare l'attività di collaborazione tra comune e Agenzia delle entrate, da quest'anno estesa anche alla Guardia di finanza per quanto riguarda specifici settori di intervento come: commercio e professioni; urbanistica e territorio; proprietà edilizie e patrimonio immobiliare; residenze fiscali all'estero e beni indicanti capacità contributiva.

© Riproduzione riservata

vota  
SULLO STESSO ARGOMENTO
Antiriciclaggio in agguato sui mandatari politici

del 24/01/2013

Mandatari politici. Antiriciclaggio in agguato. Nessuna deroga per banche e poste alle prese con l'a...

Aggiotaggio del manager, capogruppo responsabile

del 30/01/2013

Scatta la condanna per responsabilità amministrativa dell'ente ai sensi della «231» a carico della s...

Evasore fiscale: soggetto socialmente pericoloso

del 31/01/2013

L'evasore fiscale incallito va considerato un soggetto «socialmente pericoloso». È questa la definiz...