Consulenza o Preventivo Gratuito

Autostrade, sub-concessioni con il placet

del 07/05/2013
di: Andrea Mascolini
Autostrade, sub-concessioni con il placet
Obbligo di approvazione ministeriale per le gare di affidamento in sub-concessione della gestione dei servizi nelle aree di rifornimento delle reti autostradali; valutazione prioritaria agli elementi tecnico- qualitativi. Sono questi alcuni dei principi ricavabili dall'atto di indirizzo firmato il 29 aprile 2013 da Corrado Passera che nasce dalle richieste di intervento delle principali associazioni di categoria, in relazione al calo dei volumi di traffico e di consumi sulla rete autostradale registrati in questi ultimi mesi

Il quadro giuridico di riferimento del settore è tale per cui i servizi di distribuzione carbolubrificanti e le attività commerciali e ristorative nelle aree di servizio delle reti autostradali vengono affidati in regime di concessione da parte del gestore della rete, previa procedura di valutazione comparativa all'esito della quale l'affidatario del servizio assume il diritto di gestire l'area di servizio e corrisponde una royalty al gestore della rete.

In attesa dell'entrata in operatività dell'Autorità di regolazione dei trasporti, l'ex ministro Corrado Passera ha emanato un atto di indirizzo per individuare criteri da seguire per l'affidamento dei servizi in modo da rendere meno gravose le difficoltà segnalate dagli operatori economici del settore. In particolare l'atto precisa, in primo luogo, che vi è obbligo di trasmettere preventivamente gli schemi delle procedure di aggiudicazione che i gestori intendono seguire al fine di ottenere l'approvazione ministeriale (da pare della Struttura della vigilanza sulle concessioni autostradali). Dal punto di vista dei contenuti si invitano i gestori che dovranno esperire le procedure di affidamento a considerare come elemento di valutazione preponderante, nell'aggiudicazione con il criterio dell'offerta economicamente più vantaggiosa, gli elementi di natura tecnico-qualitativa ai quali dovrà essere conseguentemente assegnato un «peso» maggiore rispetto all'elemento economico (prezzo). Si entra anche nel dettaglio di questa indicazione fornendo una lista esemplificativa di elementi di valutazione: migliorie relative ai servizi alle persone (famiglie e turisti), utilizzo carburanti alternativi, manutenzione, ristrutturazione piazzali e fabbricati, produzione di energia rinnovabile. Per quel che riguarda i canoni di sub-concessione, l'indicazione contenuta nell'atto di indirizzo è che siano composti da una parte fissa e da una variabile; quest'ultima dovrà essere definita «in percentuale decrescente rispetto alle quantità vendute per i servizi oil e fatturato per i servizi non oil», così da incentivare la qualità. Il Ministero dà poi facoltà di procedere con una gara unica per in gestione integrata i servizi («oil» e ristorazione, ad esempio) di una intera area per le aree di servizio che eroghino meno di 3 milioni di litri di carburante all'anno. Infine per gli anni di sub-concessione da porre a base di gara occorrerà anche tenere conto degli investimenti che dovranno essere eseguiti nell'area affinché sia mantenuto l'equilibrio economico-finanziario, valutando il traffico registrato nel «tronco» autostradale (40 km prima e dopo l'area).

© Riproduzione riservata

vota  
SULLO STESSO ARGOMENTO
Dall'Ue 681 mln di euro per beni culturali del Sud

del 02/02/2013

L'Unione europea corre in aiuto del nostro Paese, stanziando 681 milioni per la valorizzazione del p...

Concessioni lavori pubblici rimodulate causa crisi

del 20/03/2013

Possibile rimodulare il piano economico -finanziario di una concessione di lavori pubblici a causa d...

Tratte autostradali, concessionario unico

del 18/06/2013

Razionalizzazione delle concessioni autostradali interconnesse, con un nuovo unico concessionario. I...