Consulenza o Preventivo Gratuito

Fabbricati senza rendita, pronti i coefficienti Imu

del 27/04/2013
di: La Redazione
Fabbricati senza rendita, pronti i coefficienti Imu
Diffusi i coefficienti da applicare per l'anno 2013 per la determinazione dell'Imu per i fabbricati classificabili nel gruppo D, appartenenti ad imprese e sforniti di rendita catastale. È stato, infatti, pubblicato sulla G.U. n. 97 del 26 aprile 2013, il decreto 18 aprile 2013 della direzione legislazione tributaria e federalismo fiscale del dipartimento finanze del Mef, con il quale sono stati approvati i coefficienti necessari per la determinazione dell'Imu per gli immobili che:

- appartengono a imprese;

- sono classificabili nel gruppo D;

- non sono iscritti in catasto;

- sono distintamente contabilizzati;

- sono sforniti di rendita catastale.

Per questa tipologia di immobili risulta inapplicabile il criterio generale di determinazione dell'ammontare dell'Imu (e cioè rendita catastale x aliquote stabilite dal comune), poiché detti immobili sono sforniti di rendita. Soccorre, allora, l'art. 5, comma 3, del dlgs 30 dicembre 1992, n. 504 (richiamato dall'art. 13, comma 3, del dl 6 dicembre 2011, n. 201) che stabilisce una particolare modalità di quantificazione del valore da assumere e che deve essere seguita fino all'anno in cui gli immobili in esame vengono iscritti in catasto con attribuzione di rendita. Il valore deve essere fissato alla data di inizio di ciascun anno solare o, se successiva, alla data di acquisizione, applicando i coefficienti che sono aggiornati annualmente con un decreto del Mef sulla base dei dati risultanti all'Istat sull'andamento del costo di costruzione di un capannone. Nella risoluzione n. 6/df del 28 marzo 2013 è stato precisato che detto valore è formato dal costo originario di acquisto/costruzione compreso il costo del terreno, dalle spese incrementative, dalle rivalutazioni economico/fiscali, eventualmente effettuate, dagli interessi passivi capitalizzati e dai disavanzi di fusione, come risultante dalle scritture contabili al 1° gennaio dell'anno in riferimento al quale è dovuta l'Imu. Nessuna particolare complicazione, quindi, per il calcolo dell'imposta, giacché bisogna applicare i coefficienti del decreto al valore dell'immobile che è costituito dall'ammontare che risulta dalle scritture contabili, al lordo delle quote di ammortamento; alla somma che ne risulta va, poi, applicata l'aliquota deliberata dal comune.

Ilaria Accardi

vota  
SULLO STESSO ARGOMENTO
La pace fiscale agevolata è costata 1.453 euro

del 24/01/2013

Sono 119 mila le liti tributarie di importo fino a 20 mila euro definite dai contribuenti in modo ag...

Occhi del fisco anche sui conti correnti delle colf

del 24/01/2013

L'occhio «indiscreto» dell'amministrazione arriva anche sulle provviste dei collaboratori domestici....

Facilitata l'erogazione di aiuti alle aziende agricole

del 24/01/2013

Esenzione dal greening dei pagamenti diretti delle aziende di dimensioni inferiori a dieci ettari e...