Consulenza o Preventivo Gratuito

Il pagamento dell'Iva deve essere entro i termini

del 20/04/2013
di: Debora Alberici
Il pagamento dell'Iva deve essere entro i termini
È illegittimo il ritardo nel versamento dell'Iva anche se l'impresa gode del regime di contabilità affidata a terzi. Lo ha stabilito la Corte di cassazione che, con la sentenza 9558/2013 di ieri, ha accolto il ricorso dell'amministrazione finanziaria. Ad avviso della Corte, in materia di Iva, la scelta del regime fiscale di contabilità presso terzi non comporta alcuno slittamento dei termini per i versamenti periodici dell'imposta. Posto infatti che lo stesso art. 27, comma 2, prevede espressamente che la liquidazione Iva, e quindi il suo versamento, debba essere effettuato entro il giorno 18 del mese seguente, anche nell'ipotesi in cui la società abbia optato per il regime di contabilità presso terzi, non vi è ragione di ritenere che al diverso calcolo dell'imposta da versare (determinato dalla non pronta disponibilità della documentazione contabile quando la contabilità viene eseguita non nell'ambito della stessa azienda) corrisponda anche un diverso termine per effettuare il versamento dell'imposta stessa. La vicenda riguarda una società che aveva affidato la contabilità a terzi, ma invece di effettuare il pagamento dell'Iva mensilmente lo aveva tardato di 30 giorni.

Per questo erano scattate le sanzioni. L'imprenditore le aveva impugnate di fronte alla ctp e alla ctr, vedendosi annullare l'atto impositivo. A questo punto le Entrate hanno presentato ricorso in Cassazione e lo hanno vinto. La sezione tributaria ha respinto nel merito il gravame introduttivo del contribuente. Inutile per l'uomo invocare la norma contenuta nell'articolo 27 del dpr 633 del 1972 secondo cui entro il giorno 20 di ciascun mese il contribuente deve calcolare la differenza tra l'ammontare complessivo dell'imposta dovuta e quello dell'imposta detraibile. Tuttavia in deroga a questa disposizione, il contribuente che affida a terzi la tenuta della contabilità può fare riferimento alle annotazioni eseguite per il secondo mese precedente, dandone comunicazione all'Ufficio.

© Riproduzione riservata

vota  
SULLO STESSO ARGOMENTO
Cassette sicurezza facilitate senza imposta di registro

del 25/01/2013

Apertura cassette di sicurezza del de cuius senza imposta di registro. Per il verbale che il notaio...

L'elaborazione dei dati fiscali non è attività riservata

del 26/01/2013

L'attività di elaborazione dati ai fini fiscali non è attività riservata. Pertanto, può essere svolt...

Niente esenzione: anche l'esercito può pagare l'Ici

del 30/01/2013

Il ministero della difesa paga l'Ici sugli immobili se non sono più utilizzati per finalità istituzi...