Consulenza o Preventivo Gratuito

Riforma europea: patente scaduta, rinnovo sprint

del 03/04/2013
di: di Stefano Manzelli
Riforma europea: patente scaduta, rinnovo sprint
Chi dimentica di rinnovare la patente sarà soggetto al ritiro del documento e al pagamento di una sanzione ma non resterà a piedi per molto tempo. Basterà infatti ottenere il certificato medico di abilitazione e presentarsi alla prefettura per rimettersi regolarmente al volante. Ma in caso di multe salate agli stranieri serve sempre l'elezione di domicilio. Lo ha chiarito la prefettura di Bergamo con la circolare n. 583 del 6 febbraio 2013. La riforma della patente europea, in vigore da qualche mese, ha modificato tra l'altro anche l'art. 126 del codice stradale che tratta della durata e della validità della licenza di guida. Nonostante la novella abbia modificato sostanzialmente l'impostazione dell'articolato nulla è cambiato per quanto riguarda la procedura sanzionatoria. Chi circola con la patente di guida scaduta resta infatti soggetto a una sanzione amministrativa con ritiro del documento non più valido per il successivo invio dello stesso alla locale prefettura. Spetterà al trasgressore presentarsi agli sportelli dell'ufficio territoriale del governo con un certificato medico di rinnovo per ottenere l'immediata restituzione del documento. In questo senso restano quindi pienamente valide le precedenti disposizioni operative, nonostante la riforma della patente europea. Circa i soggetti che guidano con patenti rilasciate da stati non appartenenti all'Unione europea o allo spazio economico comune la prefettura fornisce ulteriori indicazioni. Siccome per questi utenti in caso di gravi violazioni è prevista l'inibizione alla guida, redatta dal prefetto, spetterà alla polizia stradale richiedere un'elezione di domicilio per permettere all'autorità amministrativa di formalizzare le proprie decisioni. Per questo motivo, prosegue la circolare, l'elezione di domicilio «potrà essere dichiarata a verbale ovvero, in alternativa, si ritiene possa utilizzarsi, per il medesimo fine, il modello proforma allegato alla presente da richiamare nel verbale di contestazione e da accludere allo stesso». In buona sostanza lo straniero trasgressivo deve individuare un recapito in Italia perché diversamente tutta la procedura sanzionatoria diventa impraticabile.
vota  
SULLO STESSO ARGOMENTO
Tir, serve il doppio esame per gli autisti indisciplinati

del 26/01/2013

L'autotrasportatore che subisce la decurtazione totale del punteggio disponibile sulla carta di qual...

Impugnazione multe: l'appello con rito ordinario

del 07/02/2013

Rito ordinario per l'appello contro le sentenze del giudice di pace sulle multe. L'impugnazione si p...

Autovelox: previa autorizzazione sì al box ovunque

del 12/02/2013

Il prefetto può autorizzare l'uso dei vigili elettronici solo su certe strade con esclusione della s...