Consulenza o Preventivo Gratuito

Imu fabbricati rurali allo 0,2%, gettito allo stato

del 30/03/2013
di: di Ilaria Accardi
Imu fabbricati rurali allo 0,2%, gettito allo stato
Il gettito dell'Imu relativo ai fabbricati rurali ad uso strumentale classificati nel gruppo catastale D è riservato allo stato ad aliquota 0,2%, che i comuni non possono più ridurre allo 0,1%. Per gli altri immobili ad uso produttivo, il gettito Imu è riservato allo stato ad aliquota standard dello 0,76%, che i comuni possono solo aumentare fino a 0,3 punti percentuali, ma non ridurre. I comuni devono modificare le disposizioni regolamentari che stabiliscono per detti immobili un'aliquota inferiore a quella standard. Questi sono i principi che si ricavano dalla Risoluzione n. 6/DF del 28 marzo 2013 della direzione legislazione tributaria e federalismo fiscale del dipartimento delle finanze del Mineconomia (si veda ItaliaOggi del 29 marzo 2013).

La questione è connessa al fatto che il comma 380 dell'art. 1 della legge n. 228/12 stabilisce che il gettito dell'Imu, derivante dagli immobili ad uso produttivo classificati nel gruppo catastale D, è calcolato ad aliquota standard dello 0,76%, prevista dal comma 6, primo periodo, dell'art. 13 del dl n. 201/11. Detta norma non fa alcuna menzione del gettito relativo ai fabbricati rurali ad uso strumentale classificati nel gruppo catastale D.

È stato chiarito che il gettito Imu che deriva da detti immobili deve comunque essere attribuito allo stato sia pure con l'aliquota dello 0,2%, prevista dall'art. 13, comma 8, del dl n. 201. La soluzione offerta trova una sua motivazione nella circostanza che per questi immobili il legislatore dell'Imu ha creato un particolare regime agevolato prevedendo espressamente l'aliquota ridotta allo 0,2%. Ciò comporta che le disposizioni del comma 380, dell'art. 1 della legge n. 228/12, non possono avere il significato di calpestare tale sistema per così dire «speciale» e legittimare l'applicazione per i fabbricati rurali ad uso strumentale dell'aliquota standard dello 0,76%. Anche dal punto di vista logico tale argomentazione non sembra avere alcun supporto, in quanto l'aliquota Imu per tali immobili potrebbe paradossalmente passare dallo 0,1% al 1,06%, per effetto del possibile aumento di tre punti percentuali.

Secondo i tecnici del ministero, l'unico effetto della norma della legge di stabilità per il 2013 per i fabbricati rurali ad uso strumentale all'attività agricola, classificati nel gruppo catastale D, è quello di riservare allo stato il gettito con l'aliquota dello 0,2%, che peraltro i comuni non possono certo ridurre dello 0,1%, come consentiva loro il comma 8 dell'art. 13 del dl n. 201/11.

Le modifiche della legge di stabilità sono destinate a condizionare la manovrabilità delle aliquote da parte dei comuni che, per effetto della riserva allo stato del gettito dell'Imu derivante dagli immobili ad uso produttivo classificati nel gruppo D, ad aliquota dello 0,76%, potranno intervenire solo aumentando detta aliquota sino a 0,3 punti percentuali, assicurandosi tale maggior gettito, ma non potranno, invece, ridurla. Ciò determina l'incompatibilità delle nuove norme con le disposizioni dell'art. 13 del dl n. 201/11 che:

  • al comma 9, stabilisce che i comuni possono ridurre l'aliquota di base fino allo 0,4% nel caso di immobili non produttivi di reddito fondiario ai sensi dell'art. 43 Tuir, di immobili posseduti dai soggetti passivi dell'Ires, o di immobili locati;

  • al comma 9-bis accorda ai comuni la possibilità di ridurre l'aliquota di base fino allo 0,38% per i fabbricati costruiti e destinati dall'impresa costruttrice alla vendita, fintanto che permanga tale destinazione e non siano in ogni caso locati, e comunque per un periodo non superiore a tre anni dall'ultimazione dei lavori.

    Tali innovazioni influenzano le disposizioni regolamentari adottate dai comuni per il 2012, giacché le disposizioni che stabiliscono un'aliquota inferiore a quella dello 0,76% con riferimento agli immobili ad uso produttivo classificati nel gruppo D non sono più applicabili per il 2013, per cui i comuni devono approntare le necessarie modificazioni.

    © Riproduzione riservata

  • vota  
    SULLO STESSO ARGOMENTO
    Cassette sicurezza facilitate senza imposta di registro

    del 25/01/2013

    Apertura cassette di sicurezza del de cuius senza imposta di registro. Per il verbale che il notaio...

    L'elaborazione dei dati fiscali non è attività riservata

    del 26/01/2013

    L'attività di elaborazione dati ai fini fiscali non è attività riservata. Pertanto, può essere svolt...

    Niente esenzione: anche l'esercito può pagare l'Ici

    del 30/01/2013

    Il ministero della difesa paga l'Ici sugli immobili se non sono più utilizzati per finalità istituzi...