Consulenza o Preventivo Gratuito

Prezzo e profitto: confisca ampia per i reati fiscali

del 27/02/2013
di: di Cristina Bartelli e Dario Ferrara
Prezzo e profitto: confisca ampia per i reati fiscali
La confisca per equivalente nei reati tributari si potrà applicare sia per il prezzo sia per il profitto del reato. A queste conclusioni giunge la Corte di cassazione con sentenza n. 7877/13 depositata ieri, con la quale la Corte ha rigettato il ricorso di un contribuente che si è visto applicare, dal tribunale di Lecco, il sequestro preventivo finalizzato a confisca per equivalente.

Il rilievo che ha mosso il ricorrente è stato quello di escludere l'applicazione della misura ai reati tributari. Si tratterebbe, infatti, di una estensione in malam partem (analogia peggiorativa e quindi vietata dall'ordinamento penale) di una previsione di applicabilità sia a prezzo sia a profitto che non trova previsione per i reati di natura tributaria.

Sul punto il ricorrente definisce la natura della confisca sanzionatoria e pertanto esclusa dal ragionamento della analogia in malam partem attribuito a norme che contengono reati.

Per il ricorrente infine le provviste di denaro sui conti correnti non possono automaticamente essere ritenute profitto del reato o cose comunque ad esso pertinenti non potendo essere considerati il quantume dell'imposta non versata all'erario.

La corte ribalta le considerazioni del ricorrente dichiarando che correttamente il tribunale ha ritenuto che in relazione ai reati tributari si applichi la confisca sia al prezzo sia al profitto.

La Cassazione sposa quindi un orientamento consolidato per cui, in relazione ai reati tributari, il sequestro preventivo funzionale alla confisca si applica al prezzo e al profitto del reato. Non si ravvisa, a giudizio della Corte, nessuna violazione del principio di legalità. Nella sentenza inoltre i giudici definiscono anche cosa debba intendersi per profitto confiscabile: «non solo un positivo incremento del patrimonio personale, bensì qualsiasi vantaggio patrimoniale derivante dalla consumazione del reato e anche in risparmio di spesa». Nel caso dei reati tributari dicono i giudici questo vantaggio è da ritrovare nell'imposta evasa. Non solo. In questi casi bisogna tenere superato anche il concetto di pertinenzialità necessario per la confisca, in quanto limiterebbe la funzionalità del reato. In buona sostanza non è necessaria la pertinenza tra la cosa e il reato per la confisca. Il denaro poi è l'equivalente e non proprio quella somma lì. I giudici, dunque, concludono affermando che «nel caso dell'articolo 322-ter cp la confisca per equivalente non presuppone la dimostrazione del nesso pertinenziale tra reato e somme confiscate (o sequestrate) e, inoltre, viene meno la necessità di verificare, preliminarmente, se il bene sia entrato o meno nel patrimonio dell'indagato per tentarne il recupero». Sono infatti assoggettabili alla confisca i beni nella disponibilità dell'imputato per un valore corrispondente a quello relativo a profitto o a prezzo del reato.

© Riproduzione riservata

vota  
SULLO STESSO ARGOMENTO
Antiriciclaggio in agguato sui mandatari politici

del 24/01/2013

Mandatari politici. Antiriciclaggio in agguato. Nessuna deroga per banche e poste alle prese con l'a...

Aggiotaggio del manager, capogruppo responsabile

del 30/01/2013

Scatta la condanna per responsabilità amministrativa dell'ente ai sensi della «231» a carico della s...

Evasore fiscale: soggetto socialmente pericoloso

del 31/01/2013

L'evasore fiscale incallito va considerato un soggetto «socialmente pericoloso». È questa la definiz...