Consulenza o Preventivo Gratuito

Il commercialista sbaglia sanzioni a chi paga tardi

del 07/02/2013
di: Debora Alberici
Il commercialista sbaglia sanzioni a chi paga tardi
Il contribuente che paga in ritardo le imposte paga le sanzioni anche se a sbagliare i conti è stato il commercialista, già denunciato per truffa.

Lo ha stabilito la Corte di cassazione che, con l'ordinanza n. 2813 del 6 febbraio 2013, ha accolto il ricorso dell'amministrazione finanziaria.

La vicenda riguarda una società che aveva affidato a un professionista tutta la sua contabilità. Il commercialista aveva omesso di versare le imposte e per questo il vertice dell'impresa lo aveva denunciato per truffa.

Quindi erano scattati gli avvisi di accertamento a carico dell'azienda, incluse le sanzioni. La contribuente aveva saldato il debito con il fisco contestando, però, tali sanzioni.

La ctp e la ctr avevano annullato gli atti impositivi. Quindi l'Agenzia delle entrate ha presentato ricorso in Cassazione e la tesi della sua difesa ha avuto successo. I giudici con l'Ermellino hanno infatti accolto il ricorso sostenendo, in sostanza, che la presentazione della denuncia per truffa non era sufficiente a dimostrare l'esclusiva responsabilità del professionista esonerando così il titolare dell'omesso versamento di imposta. Sul punto in sentenza si legge che le espressioni utilizzate dalla Ctr, appaiono generiche e apodittiche, «non risultando verificato ed evidenziato se la responsabilità del professionista attenesse dall'omessa dichiarazione ovvero al mancato pagamento e neppure gli elementi presi in considerazione e valorizzati, per giungere a ritenere che la responsabilità esclusiva dell'infrazione fiscale fosse riconducibile a fatto di terzi e che nessuna colpa fosse addebitale alla società, malgrado l'obbligo specifico degli adempimenti dovuti e rimasti inevasi, gravasse sulla stessa».

Insomma il Collegio di legittimità ha aderito alla tesi prospettata nella relazione e dalla Procura generale di ribaltare il verdetto di merito perchè i giudici avevano annullato gli atti impositivi sulle sanzioni partendo da presupposti insufficienti. La denuncia per truffa del commercialista, al di là dell'esito del giudizio penale, non può esonerare il contribuente da qualunque responsabilità.

vota  
SULLO STESSO ARGOMENTO
Antiriciclaggio in agguato sui mandatari politici

del 24/01/2013

Mandatari politici. Antiriciclaggio in agguato. Nessuna deroga per banche e poste alle prese con l'a...

Sanzioni fiscali, si allenta la morsa per il contribuente

del 25/01/2013

La Suprema corte allenta la morsa delle sanzioni fiscali. Infatti il contribuente che viola norme tr...

Aggiotaggio del manager, capogruppo responsabile

del 30/01/2013

Scatta la condanna per responsabilità amministrativa dell'ente ai sensi della «231» a carico della s...