Consulenza o Preventivo Gratuito

Vendita o somministrazione? Alcol vietato ai minori

del 06/02/2013
di: Marilisa Bombi
Vendita o somministrazione? Alcol vietato ai minori
La vendita per il consumo sul posto, ovvero la somministrazione, di bevande alcoliche è sanzionata ai sensi dell'art. 689 del codice penale, se eseguita nei confronti dei minori di 16 anni e, ai sensi del nuovo articolo 14-ter della legge 125 del 2001, così come introdotto dal decreto legge n. 158/2012, se eseguita nei confronti di minori di età compresa tra i 16 e i 18 anni. È questa la posizione ufficiale del Ministero dello sviluppo economico (risoluzione n. 18512 del 4 febbraio 2013) e del ministero dell'interno (parere 557/PAS/U/001628/12000.ca(1) del 30 gennaio 2012), pubblicate nel sito istituzionale del Mise lunedì scorso. La questione è stata posta in relazione ai dubbi interpretativi connessi al significato giuridico dei termini vendita e somministrazione che il legislatore sembrerebbe aver usato, nel tempo, in senso non univoco. A tale proposito, il Viminale ritiene che il termine vendita comprenda anche quello di somministrazione. Ciò in quanto una interpretazione più restrittiva sarebbe del tutto illogica, non plausibile e in contrasto con la ratio stessa del dl 158/2012, inteso a promuovere più alti livelli di salute attraverso il contrasto di fattori di rischio per i giovani, tra i quali l'assunzione di alcool. Degno di rilievo, peraltro, è il fatto che con la citata nota il ministero dell'interno afferma che il nuovo art. 14-ter della legge 125/2001 si applica anche alla vendita di alcolici per asporto ai minori di qualunque età. Tale precisazione denota un'inversione di rotta rispetto quanto dallo stesso affermato un paio di anni fa (Risoluzione 24 marzo 2009, prot. n. 557/PAS.3854.12000A(1)). Tale nota chiariva, infatti, che laddove il codice penale punisce la somministrazione di bevande alcoliche ai minori di 16 anni, si deve intendere che è punita anche la vendita al minuto. Del resto «somministrazione», per il codice penale e per la legge in generale, equivale a minuta vendita. Non a caso l'art. 730 del medesimo codice penale, punisce chi «vende o somministra tabacco a persona minore degli anni quattordici» e l'articolo 25 del rd 2316/1934, punisce con una sanzione amministrativa chi somministra o vende tabacco ai minori di anni 16.

©Riproduzione riservata

vota  
SULLO STESSO ARGOMENTO
Antiriciclaggio in agguato sui mandatari politici

del 24/01/2013

Mandatari politici. Antiriciclaggio in agguato. Nessuna deroga per banche e poste alle prese con l'a...

Aggiotaggio del manager, capogruppo responsabile

del 30/01/2013

Scatta la condanna per responsabilità amministrativa dell'ente ai sensi della «231» a carico della s...

Evasore fiscale: soggetto socialmente pericoloso

del 31/01/2013

L'evasore fiscale incallito va considerato un soggetto «socialmente pericoloso». È questa la definiz...