Consulenza o Preventivo Gratuito

Abbandonare il tetto coniugale costa

del 05/03/2012

Contatta | Studio Legale Avvocato Monica Mores
Via Enrico Fermi 27 Curno 24035 Curno (BG)
Abbandonare il tetto coniugale costa
Con la sentenza n. 2059 del 14 febbraio 2012, la Corte di Cassazione ha statuito che l’abbandono del tetto coniugale, senza un giustificato motivo, comporta automaticamente l’addebito della separazione.
Nella fattispecie, la questione al vaglio della Corte riguardava un marito che aveva lasciato moglie e figlia, all’improvviso, per andare a vivere con una nuova compagna.
Secondo i Giudici Supremi, tale comportamento costituisce una violazione particolarmente grave che, da sola, determina l’intollerabilità della prosecuzione della convivenza e costituisce, inoltre, “circostanza sufficiente a giustificare l’addebito della separazione al coniuge responsabile”.
La Corte precisa che, normalmente, spetta alla parte che chiede l’addebito l’onere di dimostrare “sia la contrarietà del comportamento ai doveri che derivano dal matrimonio” e sia che tali comportamenti sono la ragione che hanno reso intollerabile la prosecuzione della vita coniugale.
Tuttavia, laddove la ragione dell’addebito è data dall’infedeltà, questo comportamento, se provato, “fa presumere che abbia reso la convivenza intollerabile”.
Nessuna ulteriore prova viene richiesta alla parte che richiede l’addebito per infedeltà. Tale regola viene però meno, sostiene la Corte, nel momento in cui la parte contro la quale è stata avanzata domanda di addebito per infedeltà dà prova che la crisi coniugale era già preesistente al fatto.
Alla base della domanda di addebito, infatti, deve sussistere un nesso causale tra infedeltà e crisi coniugale. Se la crisi coniugale non è la conseguenza dell’infedeltà la domanda di addebito non potrà essere accolta.
Nella fattispecie però, è stato accertato che il marito aveva abbandonato la casa coniugale già anni prima dell’inizio della causa di separazione per andare a vivere con una nuova compagna. In tal modo il marito non ha solo violato l’obbligo della coabitazione (articolo 143 codice civile) e l’obbligo dell’assistenza morale e materiale nei confronti del coniuge (articolo 146 codice civile), ma in particolare ha abbandonato il tetto coniugale che, nel codice civile e nella giurisprudenza, ha acquisito una considerazione speciale nella valutazione delle condizioni della separazione posto che un comportamento di tal genere è stato determinato da una scelta volontaria, unilaterale e definitiva del marito.
Sul punto, la Cassazione ha precisato che l’abbandono volontario e definitivo della casa coniugale senza aver proposto domanda di separazione personale è circostanza sufficiente a provare l’intollerabilità della convivenza. Graverà sulla parte che ha abbandonato il tetto coniugale dare prova che detto comportamento fosse giustificato da una situazione preesistente alla sua decisione. Senza tale giustificazione, tuttavia, l’abbandono del tetto coniugale è un comportamento così grave da essere sufficiente a giustificare l’addebito.
I coniugi, pertanto, devono sapere che in mancanza di un giustificato motivo, abbandonare il tetto coniugale può essere molto pericoloso, al pari di un tradimento.

Avv. Monica Mores
vota  
Con l'inserimento dei miei dati dichiaro di aver preso visione ed accettato il Trattamento dei Dati
SULLO STESSO ARGOMENTO
Separazione dei coniugi: il diritto di visita dei nonni

del 08/07/2010

Una delle innovazioni più importanti dell’ultima riforma del diritto di famiglia è rappresentata da...

Corrispondenza riservata

del 19/07/2010

Tribunale di Monza - Giudice Monocratico Pastore - 07/10/09 - ART. 616 C.P. Non è rilevante penalm...

Le crisi coniugali nelle unioni di lunga durata

del 23/07/2010

Da ricerche Istat presso le cancellerie dei 165 tribunali civili italiani, su 1000 matrimoni 286 fin...