Consulenza o Preventivo Gratuito

Affrancamento indiretto dei marchi

del 05/12/2011

Affrancamento indiretto dei marchi
Il decreto legge n. 198/2011 del 6 luglio 2011 ha introdotto negli articoli 23 commi da 12 a 15 la possibilità di versare un’imposta sostitutiva al fine di affrancare, totalmente o in parte, i valori relativi a marchi d’impresa, avviamenti e altre attività immateriali iscritte nel bilancio consolidato anziché nel bilancio d’esercizio e che siano riferibili ai maggiori valori contabili delle partecipazioni di controllo acquisite e iscritte nel proprio bilancio individuale per effetto di operazioni straordinarie o traslative. Questo in deroga ai principi generali che stanno alla base del sistema tributario italiano il quale si fonda sulla derivazione dell’imponibile fiscale dalle risultanze contabili del bilancio d’esercizio.
Con provvedimento del 22 novembre 2011 l’Agenzia delle Entrate, a pochi giorni dalla scadenza per il pagamento dell’imposta sostitutiva, ha fissato le modalità e i tempi per l’affrancamento dei marchi d’impresa, degli avviamenti e delle attività immateriali iscritte nel bilancio consolidato.
In sintesi il provvedimento stabilisce quanto segue:
  • la scadenza del pagamento dell’imposta sostitutiva è il 30 novembre 2011;
  • il pagamento dell’imposta sostitutiva deve avvenire in un’unica soluzione e senza compensazione;
  • l’opportunità è rivolta a società capitali, società di persone ed enti non commerciali;
  • le regole per la determinazione della base imponibile;
  • l’opzione è fruibile da tutti i conferenti incorporanti, beneficiari, eccetera che fanno parte di un gruppo nel cui bilancio consolidato, riferibile all’esercizio in corso al 31.12.2010, sia stata iscritta una voce a titolo di avviamento, marchi d’impresa e altre attività immateriali.
  • la deduzione delle quote di ammortamento del valore affrancato può essere effettuata in un minimo di 10 anni indipendentemente dall’imputazione a conto economico, a partire dal periodo d’imposta successivo a quello in corso al 31.12.2012 (per chi ha l’esercizio coincidente con l’anno solare gli effetti saranno dal 2013).
E’ utile riportare che quanto esplicitato nel provvedimento in merito al meccanismo del “recapture”, tipico degli altri affrancamenti, qui non trova applicazione. Il provvedimento su questo è chiaro: “Gli effetti fiscali prodotti in virtù dell’esercizio dell’opzione di cui al regime dell’imposta sostitutiva non s’intendono revocati in presenza di atti di realizzo riguardanti sia le partecipazioni di controllo, sia i marchi d’impresa, le altre attività immateriali o l’azienda cui si riferisce l’avviamento affrancato”.

Dott.ssa Francesca Benassi
Studio Davoli e Benassi
vota  
Con l'inserimento dei miei dati dichiaro di aver preso visione ed accettato il Trattamento dei Dati
SULLO STESSO ARGOMENTO
Dal Made in Italy al “Made in” europeo

del 08/11/2010

Il Parlamento Europeo nella seduta plenaria del 21 ottobre 2010 ha approvato, a larghissima maggiora...

Samsung contro Apple: lotta sui brevetti

Avv. Anna Lisa Bitetto del 27/10/2011

Partiamo dal presupposto che, in presenza di un brevetto, la mancata indicazione da parte del titola...

La tutela della proprietà industriale in Italia e in Cina

Avv. Camilla Zamparini del 06/02/2012

L’esigenza di garantire l’effettività della tutela: tale necessità ritengo accomuni, sopra ogni altr...