Consulenza o Preventivo Gratuito

Separazione: l’adulterio non giustifica l’addebito

del 11/01/2011

Separazione: l’adulterio non giustifica l’addebito

Avere una relazione extraconiugale non comporta automaticamente l’addebito della separazione, ma è necessario provare il nesso causale tra la relazione adulterina e la crisi matrimoniale. Lo ribadisce la Cassazione (sentenza n.25560/2010) secondo cui "il presupposto dell’addebito è invero rappresentato dal nesso causale che deve intercorrere tra la violazione dei doveri coniugali e la crisi dell’unione familiare, che va accertato verificando se la relazione extraconiugale, che di regola si presume causa efficiente di situazione d’intollerabilità della convivenza rappresentando particolarmente grave, non risulti comunque priva di efficienza causale, siccome interviene in un menage già compromesso, ovvero perché, nonostante tutto, la coppia ne abbia superato le conseguenze recuperando un rapporto armonico". Il comportamento del coniuge adulterino è sicuramente per i giudici "lesivo degli obblighi coniugali ma privo di efficacia causale nel provocare l’intollerabilità della prosecuzione del rapporto coniugale che, anche dopo e nonostante l’esperienza extraconiugale vissuta dalla moglie, era durato ancora per ben sei anni”.

a cura della Redazione

vota  
Con l'inserimento dei miei dati dichiaro di aver preso visione ed accettato il Trattamento dei Dati
SULLO STESSO ARGOMENTO
Separazione dei coniugi: il diritto di visita dei nonni

del 08/07/2010

Una delle innovazioni più importanti dell’ultima riforma del diritto di famiglia è rappresentata da...

Corrispondenza riservata

del 19/07/2010

Tribunale di Monza - Giudice Monocratico Pastore - 07/10/09 - ART. 616 C.P. Non è rilevante penalm...

Le crisi coniugali nelle unioni di lunga durata

del 23/07/2010

Da ricerche Istat presso le cancellerie dei 165 tribunali civili italiani, su 1000 matrimoni 286 fin...