Consulenza o Preventivo Gratuito

Errori TARI: come e quando si ha diritto al rimborso?

del 17/01/2018

Errori TARI: come e quando si ha diritto al rimborso?

In questi giorni è tornata di attualità la tematica dei rimborsi per gli errori TARI. Scopriamo in quali casi si ha effettivamente diritto ad un rimborso.

Errori TARI: facciamo chiarezza

Innanzitutto facciamo chiarezza in merito al possibile rimborso per le quote in eccesso versate in merito all’imposta sui rifiuti. Alcuni comuni e aziende incaricate della raccolta hanno infatti erroneamente addebitato agli utenti la quota variabile dell’imposta sui rifiuti, conteggiandola ad esempio sia sull’abitazione sia sulle pertinenze accatastate in maniera distinta, come garage o cantine.

Potranno quindi chiedere un rimborso solo gli utenti che riscontreranno questa situazione, mentre nella maggior parte dei casi non sarebbero presenti errori nei conteggi relativi alle unità immobiliare uniche.

Precisiamo inoltre che i rimborsi potranno riguardare quattro annualità e quindi le imposte versate dal 2014 al 2017 inclusi.

Errori TARI: come e a chi chiedere il rimborso?

Precisiamo che non tutti i comuni hanno effettuato errori TARI e che quindi non tutti i cittadini avranno diritto a chiedere un rimborso. Gli errori riguardano però diversi comuni italiani, inclusi alcuni capoluoghi. Per sapere se il proprio comune rientra tra quelli che hanno commesso errori di calcolo è possibile verificare le comunicazioni del comune stesso, che in alcuni casi sono state emesse sui siti dell’istituzione. Mentre scriviamo non è invece ancora stata stilata una lista da parte del ministero.

A prescindere dal fatto che il proprio comune si tra quelli interessati, tutti i cittadini sono comunque invitati a verificare il dettaglio dei pagamenti già effettuati, controllando che la parte variabile sia stata conteggiata una sola volta. In caso contrario è possibile richiedere un rimborso per le quote eccedenti.

La richiesta deve essere inoltrata a chi emette le richieste di pagamento; nella maggior parte dei casi sarà quindi il comune di residenza, ma i pagamenti potrebbero essere anche effettuati alle aziende di smaltimento.

In seguito alla richiesta il Comune o l’azienda hanno un tempo di sei mesi per rispondere, trascorsi i quali e in assenza di risposta, la domanda di rimborso può essere considerata come respinta.

I cittadini non soddisfatti potranno comunque effettuare un ricorso tramite la commissione tributi competente per il luogo di residenza.

Alcuni comuni attueranno a breve un rimborso automatico; in questi casi è consigliato attendere la comunicazione sulle modalità di erogazione.

Al momento non è possibile dare una stima dei tributi pagati in eccesso, ma secondo i primi calcoli alcuni cittadini potrebbero aver versato cifre intorno ai 50 euro in più per ogni anno.

vota  
Con l'inserimento dei miei dati dichiaro di aver preso visione ed accettato il Trattamento dei Dati
SULLO STESSO ARGOMENTO
Equitalia: dilazione dei pagamenti delle somme iscritte a ruolo

Rag. Romana Romoli del 01/02/2012

In presenza di cartelle di pagamento per somme iscritte a ruolo, dopo le opportune verifiche che la...

Fisco: in arrivo i rimborsi Iva per le imprese

Dott. Davide Andreazza del 15/05/2012

E’ di questi giorni la notizia, diffusa tramite un Comunicato stampa dell’Agenzia delle Entrate, sec...

Niente più certificati alla Pubblica Amministrazione

Dott. Roberto Fedegari del 24/01/2012

Con direttiva 14/2011 del 22/12/2011 il Ministro della Funzione Pubblica, Filippo Patroni Griffi, pr...