Consulenza o Preventivo Gratuito

Cancellazioni voli Ryanair: i diritti dei viaggiatori

del 26/09/2017

Cancellazioni voli Ryanair: i diritti dei viaggiatori

È recente l’annuncio delle cancellazioni dei voli Ryanair, che riguarderà circa duemila tratte della compagnia low cost irlandese. Scopriamo quali sono i diritti dei viaggiatori.

Cancellazioni voli Ryanair: cosa sta succedendo?

La nota compagnia di voli low cost, che effettua numerose tratte anche in e dall’Italia, ha annunciato un piano di cancellazione dei voli della durata di sei settimane. Le motivazioni sarebbero da far risalire a problematiche interne, che riguardano sia la disponibilità del personale sia gli indici di puntualità della compagnia. A prescindere dalle motivazioni, sono diverse decine i voli cancellati ogni giorno, con centinaia di viaggiatori coinvolti anche in Italia.

Cancellazioni voli Ryanair: cosa fare

I viaggiatori coinvolti nelle cancellazioni voli Ryanair hanno la possibilità di richiedere la riprogrammazione del volo o un rimborso.

In entrambi i casi è possibile ottenere un risarcimento aggiuntivo, che sarà pari a 400 euro per ogni tratta superiore ai 1.500 km o a 250 euro per i voli con tragitto inferiore. Le cifre indicate si intendono a persona per tratta, e devono quindi essere raddoppiate in caso di un volo andata e ritorno.

Questo rimborso non è però sempre dovuto integralmente. Infatti, in caso di disponibilità di un volo alternativo entro tre ore per i viaggi più lunghi (o di due ore per quelli inferiori ai 1.500 chilometri), è facoltà della compagnia ridurre fino al 50% le cifre sopra indicate.

Non tutti i viaggiatori hanno però diritto a questi indennizzi. Sono esclusi i voli cancellati a meno di sette giorni dalla partenza, con arrivo fino a due ore dopo la data di atterraggio del volo cancellato e partenza anticipata fino ad un’ora rispetto al volo originale.

Sono inoltre esclusi i voli cancellati con anticipo di 7-14 giorni, per i quali sia prevista un’alternativa che consente l’arrivo a destinazione entro una finestra di sei ore (due in anticipo e quattro in ritardo), rispetto ai tempi del volo originario.

Nel caso in cui la cancellazione sia stata annunciata almeno due settimane prima della partenza, il risarcimento aggiuntivo non è dovuto, mentre permangono la possibilità di rimborso per il biglietto acquistato o la richiesta di riprogrammazione del volo.

I risarcimenti non si applicano però in automatico. I passeggeri interessati dovranno scrivere una lettera (da inviare tramite raccomandata) con la richiesta di risarcimento per la cancellazione.

Le persone interessate dovrebbero però ricevere o aver già ricevuto una comunicazione diretta dalla compagnia, con l’indicazione della cancellazione del volo e le modalità di richiesta del rimborso o per la prenotazione del volo alternativo.

vota  
Con l'inserimento dei miei dati dichiaro di aver preso visione ed accettato il Trattamento dei Dati
SULLO STESSO ARGOMENTO
iPad come strumento di lavoro

del 14/07/2010

Array Networks Inc, società leader per l’utilizzo sicuro delle applicazioni in azienda, ha lanciato...

In arrivo il Regolamento di attuazione sulla conciliazione

del 20/09/2010

Fa già discutere per alcune carenze e zone d’ombra rilevate dal Consiglio di stato e dal Consiglio n...

Ok alle dichiarazioni rese da teste non individuato

del 21/09/2010

La Corte di cassazione ha legittimato l'operato dei giudici di appello che hanno ammesso la condanna...